X Factor, Fedez e Francesca Michielin: la risposta a Morgan

(Adnkronos) – Fedez e Francesca Michielin non ci stanno e rispondono a Morgan dopo le accuse dell’ex giudice di X Factor, secondo il quale loro, insieme a Dargen D'Amico, fanno parte di una cricca che decide tutto e che ha interessi economici connessi.  "Io nella 'combriccola' sostenuta da Warner? Sono in Sony da quando ero un’adolescente", afferma Francesca che questa sera a 'Striscia la notizia' riceve il suo primo Tapiro d’oro. 
Tesi già confutata da Fedez, che ieri a 'Striscia' aveva detto: "Sky è stata costretta a cacciarlo per dei comportamenti gravissimi che ha tenuto nei confronti di altre persone fuori dalla diretta, ma ripresi dalle telecamere". Immagini che 'Striscia' chiede a Sky di diffondere per fare chiarezza sull’episodio. Intercettata da Valerio Staffelli a Milano, la conduttrice del talent ha dichiarato di non aver visto la diatriba tra i giudici: "Non ho assistito a nulla. Ho visto solo il video che circola online" (quello in cui si vede Morgan mandare a quel paese Ambre, ndr.). Poi Michielin chiarisce il suo rapporto con Morgan: "Con me non ha mai fatto affermazioni sopra le righe. Era mio giudice quando ero concorrente e mi ero anche trovata bene. Lui, si sa, è un personaggio un po' complesso e quando lo chiami in un programma può succedere qualcosa, ma a parte quella battuta su Ivan Graziani e un po’ di irriverenza generale non ha fatto niente". Ma prima di salutare l’inviato di Striscia, Francesca Michielin lancia una stilettata a Morgan, che aveva dichiarato che Fedez-Dargen-Michielin sono una “combriccola di produzione discografica sostenuta dalla Warner”: "Io ora vado a lavorare in Sony, la mia casa discografica. Non ne ho altre. È stato detto che abbiamo tutti la stessa casa discografica, ma tecnicamente io sono in Sony da quando ero un’adolescente".  "Morgan ha detto cose gravi e io l'ho avvisato: se non smentisce, l'unico luogo che ho per far emergere la verità è un'aula di giustizia. In tribunale dovrà dimostrare ciò che ha detto", ha affermato dal canto suo Fedez, secondo il quale Morgan "non è stato mandato via per il 'vaffa' ad Ambra, la depressione, il litigio con Dargen o la battuta su Ivan Graziani. Sky è stata costretta a cacciarlo per dei comportamenti gravissimi che ha tenuto nei confronti di altre persone fuori dalla diretta, ma ripresi dalle telecamere".  "Morgan ha detto cose gravi e io l'ho avvisato: se non smentisce, l'unico luogo che ho per far emergere la verità è un'aula di giustizia. In tribunale dovrà dimostrare ciò che ha detto", ha detto ancora il rapper aggiungendo: "Non l'ho toccato, non ho tirato pugni, non ho inveito contro di lui. Semmai è successo il contrario".  Anche sulla presenza di una cricca che decide tutto, Fedez ha replicato: "Ad aprile, quando Sky mi ha detto che stava pensando a Morgan, io ho risposto che non lo avrei voluto. Per precedenti poco professionali e aggressivi nei confronti di una persona. Ma alla fine l'hanno preso". E ancora: "La situazione è stata gestita malissimo fin dall'inizio, vedi l'infelice uscita omofoba 'messa a tacere' con una donazione. Sky non ha nemmeno condiviso con noi altri giudici il comunicato stampa e ora, invece, sembra che a cacciare Morgan sia stato il 'Licio Gelli' Fedez e la sua P2".  Anche Morgan, dopo l'espulsione dal talent di Sky X Factor ha ricevuto un Tapiro d'oro. "X Factor è tutto organizzato, non potevo nemmeno scegliere le canzoni da assegnare ai ragazzi e il motivo del mio allontanamento è che io li ho smascherati", ha attaccato subito l'ex Bluvertigo aggiungendo:"C'è una cricca italiana, formata tra gli altri da Fedez, Dargen e Francesca Michielin, che decide tutto e che ha interessi economici connessi. Forse non pensavano che sarei arrivato al punto di rivelare la loro tresca".  Il cantautore è un fiume in piena: "Non hanno cultura musicale e quando la vedono ne hanno paura. Ma è di loro che dovremmo aver paura. In un mondo che dovrebbe insegnare l'inclusione, loro mi licenziano". "La battuta a Michielin su Ivan Graziani? Come fa una cantante a non sapere che è morto da anni?", ha detto ancora. Quando, invece, Staffelli gli ha chiesto del 'vaffa' ad Ambra, Morgan ha risposto: "C'è stata una discussione, l'ho mandata a quel paese perché lei pensava che la stessi trattando male in quanto donna. Ma figuriamoci". Morgan ne ha soprattutto per Fedez, ritenuto il vero responsabile del suo allontanamento: "Mi ha detto cose gravi, bestemmiava, è stato violento e l'ha fatto davanti a mia figlia di tre anni. Una roba agghiacciante. 'O lui o io, deve andarsene fuori dai co***oni' e anche minacce tipo 'Ti tolgo i pochi spiccioli che hai, demente'. Sky dovrebbe fornire i video, dato che c'erano le telecamere accese", ha concluso Morgan, che – raggiunto dalla figlia piccola – non si risparmia un'ultima frecciatina ai Ferragnez: "Non inquadratela, io non prendo soldi per inquadrare i figli".  —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto