Verstappen boccia il Gp di Las Vegas: “Uno spettacolo da clown” 

(Adnkronos) –
Il Gp di Las Vegas si apre con uno show 'made in Usa'. La presentazione di piloti e team in stile Super Bowl piace quasi a tutti. Non a Max Verstappen, che non nasconde la sua irritazione. Illuminato dai riflettori, tra musica a volume altissimo e effetti speciali, l'olandese della Red Bull sembra chiedersi 'cosa ci faccio qui?'. La conferma arriva con le osservazioni poco diplomatiche: il Gp di Las Vegas è "99% spettacolo e 1% sport". Non il massimo, in termini di diplomazia, se si considera che il circus controllato da F1 Liberty Media ha investito quasi mezzo miliardo di dollari per riportare piloti e monoposto nella Sin City del Nevada. La gara si inserisce in un programma che abbina sport e show, in cui Verstappen ha un ruolo pari a quello di John Legend e Kylie Minogue, chiamati ad esibirsi per deliziare il pubblico. Dopo lo spettacolo che ha aperto il lungo fine settimana, Verstappen ha espresso le sue perplessità (eufemismo) senza badare all'etichetta. "È al 99% spettacolo e all'1% evento sportivo", ha detto il 26enne. "Ero lì in piedi, sembravo un clown. Immagino che la F1 continui a guadagnare, che mi piaccia o no. Quindi non dipende da me. Ma non ho intenzione di fingere". "Esprimo la mia opinione sulle cose positive e su quelle negative. Ad alcune persone piace un po' di più lo spettacolo. A me non piace affatto. Mi piace essere a Las Vegas, ma non così tanto per le corse", ha aggiunto. Tutti d'accordo? Nemmeno per idea. Lewis Hamilton ha preso le distanze dal collega. "Ho sentito che ci sono molte persone che si lamentano della direzione presa dal Ceo della F1, Stefano Domenicali, e da Liberty. Ma stanno facendo un lavoro straordinario. Lo sport continua a crescere. È un business e qui si vedranno ancora delle belle gare. È un paese in cui attingere e affascinare il pubblico. Avevamo bisogno di organizzare almeno due gare negli Stati Uniti, una non era sufficiente, e questa è una delle città più iconiche e uniche che hanno qui", ha detto il pilota britannico della Mercedes. "È sicuramente un grande spettacolo e non sarà mai come Silverstone, ma forse col tempo le persone in questa comunità impareranno ad amare questo sport. Forse la pista sarà bella, e forse sarà brutta. Era così così sul simulatore. Ma non criticare finché non la provi", ha aggiunto. La gara d'esordio sulla pista americana, che inizierà alle 22:00, ora locale di sabato, arriva dopo tre round ad Austin, Messico e Brasile e prima della gara conclusiva del prossimo fine settimana ad Abu Dhabi.  Il circuito presenta 17 curve su 6,2 chilometri lungo il famoso Las Vegas Boulevard e sullo sfondo del Caesars Palace, del Venetian e del Bellagio. "La pista non è molto interessante con poche curve. Dipenderà un po' da quanto grip ci sarà. Non sembra che ci sia molto grip", ha detto Verstappen, che ha vinto finora 17 dei 20 Gp stagionali. "Dal punto di vista di un pilota, vuoi avere il miglior spettacolo qui. Se la pista prevedesse una gara come Baku – che è una delle migliori gare con molti sorpassi – allora sarebbe fantastico, piuttosto che una sola macchina che scompare in lontananza. Tutti quelli che conosco a Hollywood verranno e ci saranno molti affari in corso questo fine settimana. Sarà uno spettacolo bello da guardare, anche per quelli a casa che non sono mai stati a Las Vegas. Impareranno di cosa si tratta", ha chiosato Hamilton. —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto