Ue, Salvini lancia la sfida sovranisti: “Abusivi fuori dal Tempio, non abbiamo paura dei ‘Golia-Soros'”

(Adnkronos) – Fermare l'invasione dei migranti "che distruggerà L'Europa" e tornare ai valori della tradizione: Dio, patria e famiglia, in ordine sparso di preferenza. A Firenze i sovranisti alleati di Matteo Salvini, dai portoghesi agli estoni, passando per francesi e polacchi, non risparmiano l'attacco alla "Ue dei burocrati", che alla fine per Matteo Salvini – che farà la sintesi per tutti – sarà pure quella "massonica, quella del Golia-Soros che noi, come fece David alla fine sconfiggeremo". "Ho sentito parlare culture diverse, con alcune sfumature pure diverse, Id non è una caserma, ma ho sentito solo parlare di futuro. Oggi può nascere il Rinascimento dell'Europa che sarà", dice il vicepremier italiano dal palco di Firenze.  Spiegando come al di là di quelle che lui chiama "sfumature", "oggi qua a Firenze sono convenute donne e uomini che armati di buon senso, coraggio e fede sconfiggeranno un gigante Golia che è il primo nemico dell'Europa, i tecnocrati massoni che vogliono distruggere l'identità del nostro continente. Noi del Golia Soros non abbiamo paura, di chi finanzia la distruzione della nostra civiltà non abbiamo paura". "L'anno prossimo – spiega – c'è in gioco se non tutto, tantissimo, qualcuno sta occupando Bruxelles in modo abusivo, fuori dal Tempio". Parole che chiudono la kermesse, mentre viene attorniato dai leghisti presenti in sala, come il ministro Giancarlo Giorgetti, il capogruppo alla Camera Riccardo Molinari, il presidente della Camera Lorenzo Fontana, che del Carroccio è il responsabile esteri. Tra gli altri presenti, anche i governatori Zaia e Fedriga e la ministra per la disabiltà, Alessandra Locatelli. Prima del leader italiano, tornato 'Capitano', sono tantissimi gli interventi senza sconti alla Unione europea degli alleati sovranisti. Temi condivisi, su cui convergono pure i toni, sono quelli del rischio che arriva dai porti, la questione dei migranti, che molti trattano secondo la falsariga della presunta sostituzione etnica, che tante polemiche ha già fatto levare in Italia. Il belga Kostadinov, primo a intervenire poco dopo le 11 in Fortezza da Basso lancia l'allarme prendendo il discorso "dal problema maggiore" che "è la crisi demografica, che si vive in ogni stato europeo". "I migranti mettono a repentaglio il futuro dell'Europa, perché le elites europee ci fanno rimpiazzare con i migranti, con gli stranieri", dice ancora il politico di Sofia, spiegando che "o si cambia, oppure ci saranno referendum per uscire dalla Ue".  Il discorso più atteso era quello di Marine Le Pen, che in videomessaggio si scusa per l'assenza, 'limitandosi' a una stoccata a Ursula von der Leyer: "Per la signora l'immigrazione non è un problema, ma un progetto", dice la leader del Rn, rappresentata a Firenze dal vice Bardella. "Noi -dice la francese- siamo trattati dalla Ue come merci, non come persone". In video appare anche l'altro alleato portoghese Andrè Ventura: "Basta con i burocrati, vogliamo dire noi come vogliamo vivere", tuona il leader di Chega (Verità), assicurando ai sovranisti che potranno sempre contare su di lui. Ultimo video è quello di Geert Wilders, nuovo vincitore del voto nei paesi bassi, che pare tenere un profilo basso, alle prese con la formazione del governo nel suo paese: "L'Olanda agli olandesi, basta con i migranti", è la sintesi a mo' di slogan del suo contributo. Si apre anche il capitolo della famiglia naturale e del genere, i due che se ne fanno carico sono il polacco Roman Fritz e il rumeno George Simion. "Faccio un esempio -dice il polacco, leader della Confederazione della corona polacca- . Noi abbiamo donne che possono presentarsi come uomo, il gender, ma noi chiamiamo il male come male", dice applaudito, non senza aver chiesto infine la benedizione di Dio per l'Italia.  Per il rumeno, che si scoprirà amante di Dante Alighieri, "la sinistra vuole cancellare la famiglia naturale, mentre noi siamo per il diritto naturale. Dante ha regalato la Commedia, tante lezioni ancora attuali" visto "che l'inferno lo vediamo in Europa: abbiamo migranti irregolari, abbiamo perso le fabbriche, perso l'identità nazionale e assistiamo al declino del cristianesimo. E ci impediscono di usare le parole padre, madre e Natale", nel suo intervento, in ottimo italiano, il leader di Aur, partito identitario di Bucarest, sarà il primo a rinnovare l'appellativo 'Capitano' per Matteo Salvini, cosa che poi farà anche il francese Bardella e l'austriaco Vilimsky.  Interviene anche la sindaca di Monfalcone, Anna Maria Cisint che si dice preoccupata per la deriva islamista del suo comune, ricordando come l'imam locale le abbia detto di essere contrario alla integrazione "ma di volere la sostituzione". Anche per lei applausomentro che schizza in alto. Prima della chiusura di Salvini parla l'alleato di Afd, l'estrema destra tedesca, quelli con cui Tajani ha appena detto che non potrà mai essere alleato in Europa. E Tino Chrupalla non smentisce la sua fama da estremista: prima gela (parte) della sala con un attacco all'Ucraina, spiegando che "Kiev non potrà mai vincere la guerra e deve fare la pace" e che "quella dell'Ucraina non è la nostra guerra", per poi concludere che "Ursula von der Leyen è la persona più pericolosa dell'Europa e chiedo scusa per aver detto questo…". (dall'inviato Francesco Saita)  —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto