Ucraina, Russia prepara spallata a sud. Zelensky: “Dateci armi”

(Adnkronos) – Gli aiuti e le armi dagli Usa non arrivano, l'Ucraina è in difficoltà e vive uno dei momenti più complessi nella guerra contro la Russia iniziata 2 anni fa.  Le forze armate di Kiev si sono ritirate da Avdiivka, la città dell'est conquistata dai soldati russi in uno scenario spettrale, descritto anche da un post che un soldato – Viktor Biliak – ha pubblicato su Instagram: "La strada per Avdiivka è coperta di corpi di soldati ucraini", scrive descrivendo la ritirata "senza vedere nulla, come gatti ciechi guidati da un drone sotto il fuoco dell'artiglieria". Il racconto descrive anche il drammatico addio ai feriti, che non sono stati evacuati e che in molti casi, come le famiglie hanno appurato dai video diffusi sui social su profili russi, sono stati uccisi. "La situazione in prima linea è estremamente difficile in diverse aree, in particolare dove le forze russe hanno concentrato la maggior parte delle loro riserve. Stanno approfittando dei ritardi negli aiuti militari all'Ucraina", dice il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che nelle ultime ore ha fatto visita ai militari nella regione di Kharkiv. "Stiamo lavorando con gli alleati per riprendere e continuare l'assistenza, aumentando allo stesso tempo la forza della nostra industria della difesa", aggiunge. "Ora monitoreremo come si riorganizzeranno" le truppe russe che da due giorni rivendicano il controllo di Avdiivka, dice il portavoce del Gruppo Est delle Forze Armate ucraine, Illia Yevlash, in dichiarazioni a Radio Free Europe/Radio Liberty rilanciate dalla Cnn. Secondo Yevlash, 'cambiamenti' potrebbero riguardare molte brigate coinvolte nelle operazioni ad Adviivka, unità d'intelligence, forze speciali, artiglieria, fanteria motorizzate e paracadutisti compresi. "Solitamente – aggiunge portavoce – hanno bisogno di tempo, circa una settimana, per riorganizzarsi, spostare le loro unità e poi monitoreremo dove inizieranno a fare pressione".   La Russia intanto rafforza la presenza nella regione di Zaporizhzhia, nel sud dell'Ucraina. Sul fronte meridionale, gli analisti segnalano la presenza di circa 50mila uomini, destinati con ogni probabilità a tentare una nuova spallata lungo un'altra linea di contatto. Per reggere l'urto, Kiev avrebbe bisogno in tempi brevi delle armi promesse dagli Stati Uniti e bloccato al Congresso, dove la Camera deve votare il pacchetto da 61 miliardi di dollari che ha ricevuto l'ok del Senato. Il via libera definitivo è in dubbio, vista la maggioranza repubblicana che controlla la House of Representatives. Il pressing sullo speaker Mike Johnson non sembra sufficiente ad imprimere la svolta, in un quadro politico in cui l'influenza di Donald Trump sull'ala estrema dei repubblicani non va trascurata. In questo quadro, l'amministrazione del presidente Joe Biden sta lavorando per inviare all'Ucraina una versione a più lunga gittata del sistema missilistico Atacms, capace di colpire a 300 km di distanza, come rivela l'emittente Nbc, citando due funzionari americani. Gli Stati Uniti hanno già fornito missili Atacms a Kiev, ma nella versione a medio raggio. Fonti della Difesa spiegano che gli Stati Uniti hanno uno stock limitato di Atacms a più lunga gittata e che questi saranno probabilmente mandati a Kiev solo se verranno approvati i fondi per ricostituire le scorte.  
I repubblicani alla Camera "stanno facendo un grosso errore", dice Biden, intenzionato a incontrare Johnson per capire "se abbia qualcosa da dire. Il modo in cui stanno scappando davanti alla minaccia della Russia, il modo in cui stanno fuggendo dalla Nato, il modo in cui stanno fuggendo dai nostri obblighi è scioccante: non ho mai visto niente del genere". Il semaforo rosso a Washington produce una serie di effetti evidenti, come sottolinea 'Institute for the study of war. "I ritardi negli aiuti occidentali per la difesa dell'Ucraina aiutano i russi a lanciare operazioni opportunistiche su diversi settori della linea del fronte", afferma il think tank accendendo i riflettore su zone precise del conflitto: "1) lungo il confine fra gli oblast di Kharkiv e Luhansk in direzione di Kupyansk e Lyman, 2) attorno ad Avdiivka, 3) vicino Robotyne nell'oblast di Zaporizhzhia". Il bollettino nota tuttavia che i russi sono avanzati meno di dieci chilometri in quattro mesi e che gli ucraini saranno capaci di stabilire nuove linee difensive. La scarsità di munizioni di artiglieria e sistemi di difesa aerea ha impedito agli ucraini di difendersi dall'avanzata russa ad Avdiivka. Inoltre la mancanza di materiale e "il timore di una completa cessazione dell'aiuto militare americano hanno costretto le truppe ucraine a distribuire il materiale su tutta la linea del fronte, il che ha probabilmente incoraggiato i russi a sfruttare la situazione". L'Isw sottolinea comunque che le forze ucraine "saranno capaci di stabilire nuove linee difensive non lontano da Avdiivka". E che saranno probabilmente in grado di tenere le nuove posizioni, di fronte a forze russe che hanno perso molti uomini ad Avdiivka. "La cattura russa di Avdiivka dopo quattro mesi di intense operazioni offensive mostra il modo in cui i russi perseguono operazioni offensive che non creano necessariamente le condizioni per ampi vantaggi operativi ma costringono comunque gli ucraini a impegnare uomini e materiali per la difesa", scrive il bollettino sottolineando le forti perdite russe. Kiev afferma che gli avversari hanno perso su questo fronte 47mila uomini e 364 tank in quattro mesi, mentre milblogger russi parlano di 16mila soldati di Mosca uccisi. "Le forze russe non hanno ancora dimostrato la capacità di avanzate operative significative o di condurre rapide manovre meccanizzate su ampie porzione di territorio", scrive ancora l'Isw, notando che l'offensiva di Avdiivka, iniziata nell'ottobre 2023, ha portato ad una avanzata di meno di dieci chilometri.    —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto