Ucraina, Russia non si ferma a Avdiivka: il piano per nuovo attacco

(Adnkronos) –
Dopo aver conquistato Avdiivka, nell'est dell'Ucraina, la Russia può avanzare ancora. Kiev, dopo aver ritirato i propri soldati dalla città ridotta ad un cumulo di macerie, si prepara ad una nuova offensiva nella regione in una fase cruciale della guerra cominciata 2 anni fa. Mosca ha ammassato nell'area una quantità tale di soldati da poter tentare un ulteriore attacco nonostante le perdite ingenti. Secondo le forze armate ucraine, la Russia avrebbe perso 47.000 uomini nella lunghissima offensiva per prendere Avdiivka, con un break di oltre 8 km al di là della linea del fronte. Ora, dopo l'obiettivo raggiunto, i russi potrebbero spingersi ancor più verso ovest, come dice Maksym Zhorin, vice comandante della Terza brigata d'assalto. "Sul fronte di Avdiivka, il nemico ha sufficienti forze per andare avanti e lo farà – scrive Zhorin su Telegram – la Terza brigata d'assalto, assieme ad altre unità, si attesta su certe linee di difesa attorno ad Avdiivka. I combattimenti sono intensi, ma non come all'interno della città. La principale direzione di attacco dei russi è quella di Lastochkyne". 
Avdiivka è al centro dell'incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e il ministro della Difesa, Sergei Shoigu, che in un incontro fornisce informazioni sull'operazione appena conclusa. "La ritirata delle forze ucraine è stata caotica", dice Putin. "Per quanto ho capito, e come mi hanno riferito l'altro ieri, verso le 6-7 del mattino il nemico ha iniziato una ritirata caotica da questo insediamento", aggiunge. "La leadership delle forze armate dell'Ucraina ha emesso l'ordine di ritirare le sue forze armate quando erano già in movimento e stavano lasciando questo insediamento. A quanto ho capito, ciò è stato fatto per ragioni politiche, al fine di coprire questo ritiro e dargli l'apparenza di un ritiro organizzato mentre si è trattato di una fuga nel vero senso della parola", afferma ancora. Shoigu evidenzia progressi anche in un'altra area del conflitto: le forze armate russe hanno conquistato il villaggio strategico di Krynky che sorge sulla sponda orientale del fiume Dnipro, mentre da Kiev l'affermazione non è stata commentata. E' da mesi che militari ucraini e russi si contendono il controllo delle sponde del fiume Dnipro e a novembre l'esercito di Kiev aveva preso il controllo di alcune zone di Krynky.  La Russia ha preso decisamente l'iniziativa in questa fase del conflitto. Mosca può contare su una superiorità numerica sul campo, con un serbatoio umano praticamente infinito. Ora, secondo il sito iStories rilanciato da Meduza, gli invasori reclutano anche donne detenute da mandare al fronte in Ucraina, nelle unità d'assalto o di cecchini.  Rappresentanti del ministero russo della Difesa hanno offerto contratti d'ingaggio alle detenute della Colonia n.2 di Ulyanovka, nella regione di Leningrado, hanno riferito diverse ex detenute ancora in contatto con le donne ora in prigione. Sono previsti due mesi d'addestramento e un'amnistia al termine del servizio. Un numero compreso fra le 20 e le 50 donne ha accettato l'offerta ma, malgrado gli sforzi di reclutamento siano iniziati lo scorso autunno, ancora nessuna di loro ha lasciato il carcere. 
Già un anno fa l'esercito ucraino aveva denunciato i tentativi di Mosca di arruolare donne in carcere, ma è la prima volta che ne parlano giornalisti russi. Come è noto, la società militare privata Wagner prima e poi la Difesa russa hanno arruolato numerosi detenuti per la guerra in Ucraina.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto