Store manager Milano: ”pago 5mila euro ogni mese per proteggere me e i miei ragazzi”

(Adnkronos) – Una giornata che inizia evitando le borseggiatrici sulla metro; che prosegue tentando di evitare le aggressioni degli sbandati sulla via per il lavoro; e che non si sa mai come termina. Giorno dopo giorno il copione non cambia, l'incertezza che avvolge la quotidianità. Di sicuro c'è solo una cosa: il bonifico di cinquemila euro che ogni mese deve inviare di tasca sua per pagare una agenzia che garantisca l'incolumità a lei e ai ragazzi e alle ragazze che lavorano nel suo bar, tra il Pirellone e la Stazione Centrale di Milano.  Si chiama Luana ed è la store manager di un moderno caffè in uno dei luoghi simbolo di Milano, frequentatissimo da turisti e viaggiatori appena arrivati nel capoluogo della Madonnina, oltre che da giovani studenti e lavoratori che in quel locale trovano volti sorridenti, diventati per molti familiari, che aiutano ad iniziare le giornate con un po' di 'dolcezza' e calore umano. Sembrerebbe tutto molto bello, se non fosse che per Luana e il suo gruppo di lavoro, recarsi al lavoro è una vera e propria lotta quotidiana: "Il problema della sicurezza è reale, anzi realissimo -dice all'Adnkronos- noi lo vediamo sin dalle prime ore della mattina, per tutto il giorno".  "Per me -spiega- significa svegliarmi al mattino sapendo che in metro dovrò stare attenta alle borseggiatrici, poi quando, dalla Stazione Centrale dovrò uscire per attraversare la piazza, per raggiungere il mio posto di lavoro, dovrò guardarmi le spalle per difendermi da scippatori e malintenzionati che in questa zona sono davvero tanti. E poi non sai mai che cosa capiterà nel corso della giornata". Perché malgrado ci troviamo di fianco al Pirellone, "qui davanti sembra terra di nessuno".  "Una mattina, ad esempio, sono arrivata insieme ad una collega per aprire il bar; dal nulla è spuntato un senzatetto che senza alcun motivo mi ha tirato un pugno in mezzo al petto, scaraventandomi addosso alla vetrata. Per fortuna poco distante c'era un cliente che stava aspettando l'apertura, che ha avuto il coraggio di non girarsi dall'altra parte, ma è intervenuto salvandoci da conseguenze peggiori. Insieme abbiamo subito chiamato le forze dell'ordine, e abbiamo dovuto aspettare venti minuti prima che arrivasse qualcuno. E quando sono arrivati hanno portato via quel pazzo e io ho sporto denuncia". Come è finita? "Che dopo qualche ora il pazzo era di nuovo qua".  A quel punto, "con la mia azienda abbiamo deciso di organizzarci e chiamare una agenzia di security, per poter avere degli addetti alla sicurezza a presidio del locale. Inizialmente i bodyguard coprivano tutto l'arco delle ore di apertura del bar, ma ora abbiamo dovuto ridurre il servizio a due fasce di intervento, una in apertura e una in chiusura, per limitare i costi perché erano davvero troppo gravosi per noi. Calcolando che ci veniva a costare circa cinquemila euro al mese, totalmente a nostro carico". Malgrado la presenza della sede della Regione Lombardia e l'arrivo dei presidi dell'esercito sul piazzale antistante la stazione, da qualche anno, la situazione purtroppo non migliora: "I presìdi dell'esercito sono un po' un deterrente, è vero, ma purtroppo i soldati non possono intervenire per situazioni come quelle a cui dobbiamo far fronte noi quotidianamente: qualche giorno fa alcuni sbandati si sono presi a bottigliate, c'era sangue dappertutto, un delirio. I militari non sono potuti intervenire, hanno dovuto chiamare anche loro le forze dell'ordine".  E allora, "se potessi parlare con il sindaco Sala, gli chiederei più tutela per i cittadini perché vivere qui è diventato veramente pericoloso. Io vengo da Vigevano e il degrado che ho visto crescere in questi ultimi dieci anni è qualcosa di mai visto. A casa ho una figlia di 18 anni e non voglio che venga a Milano perché viaggiare sui mezzi è diventato troppo pericoloso, girare per le vie del centro è diventato pericoloso, ovunque ci sono pericoli. Se dovessi scegliere se farla lavorare qui o lasciarla andare all'estero? Direi ovunque, ma non a Milano". (di Cristina Livoli) —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto