“Stop munizioni a Israele”, Amnesty e Oxfam scrivono al Pentagono

(Adnkronos) –
Stop alla fornitura di munizioni di artiglieria all'esercito israeliano impegnato nella campagna militare a Gaza. E' questa la richiesta contenuta in una lettera inviata al Pentagono da Amnesty, Oxfam, Center for Civilians in conflict ed altre decine di associazioni civili e religiose americane, a testimonianza della crescente opposizione all'interno degli Stati Uniti al sostegno di Washington all'offensiva di Israele a Gaza.  "Nelle attuali circostanze, permettere al governo israeliano l'accesso a queste munizioni metterebbe a rischio la protezione dei civili, il rispetto della legge umanitaria internazionale e la credibilità dell'amministrazione Biden", si legge nella lettera al segretario alla Difesa, Lloyd Austin, di cui il Washington Post ha ottenuto una copia, in cui si esprime l'allarme per il piano del Pentagono di fornire all'esercito israeliano munizioni da artiglieria da 155mm, conservate in un arsenale speciale di armi americane che si trova in Israele.  "Questi munizioni colpiscono scuole, quartieri, ospedali, rifugi e campi profughi, uccidendo, ferendo e facendo fuggire centinaia di civili – continua la lettera – l'utilizzo passato da parte delle forze israeliane dell'artiglieria a Gaza provoca le nostre preoccupazioni". "E' difficile immaginare uno scenario in cui le munizioni da artiglieria altamente esplosive da 155mm possano essere usate in Gaza nel rispetto delle leggi umanitarie internazionali", continua la lettera che arriva ad oltre un mese dall'inizio dell'offensiva israeliana nella Striscia, che ha provocato oltre 11mila vittime, in risposta degli attacchi di Hamas del 7 ottobre in cui sono state uccise oltre mille israeliani ed sono stati prese in ostaggio oltre 200 persone.  Nella lettera si ricorda inoltre che il governo americano nel 2022 ha firmato una dichiarazione internazionale tesa a limitare l'uso di armi esplosive in aeree urbane, e si sottolinea che Israele ha sparato decine di migliaia di munizioni di artiglierie nei conflitti passati con Hamas nel 2008-2009 e nel 2014.  Washington ha da subito fornito il suo sostegno militare incondizionato ad Israele, ed ora intende fornire le munizioni da artiglieria da 155m che sono conservate nel War Reserve Stockpile di Israele, un arsenale creato per garantire all'esercito americano una pronta fornitura di armi nella regione e dare la possibilità di aiutare velocemente Israele. Nei mesi scorsi, l'amministrazione Biden ha già attinto a questo arsenale per rifornire quelli in Europa, esauriti per la guerra in Ucraina.  Interpellato, il Pentagono ha rilasciato dichiarazioni precise sulla fornitura delle munizioni: "noi non forniremo dettagli specifici su fonti e movimenti di particolari munizioni, rimaniamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire la necessità di sostenere Israele, l'Ucraina e la nostra strategia di difesa nazionale in modo simultaneo", ha dichiarato la vice portavoce del Pentagono, Sabrina Singh.  Le organizzazioni umanitarie, religiose e della società civile, ed un ampio movimento di protesta nei campus a cui stanno partecipando sia studenti che accademici, non sono gli unici che stanno mettendo sotto accusa la politica dell'amministrazione Biden per il sostegno incondizionato ad Israele.  Dubbi e critiche sull'insufficienza dei continui appelli che Washington sta rivolgendo a Israele per minimizzare il numero delle vittime civili e non colpire obiettivi civili, vengono in questi giorni avanzati negli ambienti diplomatici e all'interno del partito democratico, e non solo tra il gruppo di deputati dell'estrema sinistra dem tra i quali la deputata di origine palestinese Rashida Tlaib che è stata censurata dalla Camera per aver accusato Biden di essere complice di un 'genocidio'. Un gruppo di 26 senatori democratici ha chiesto al presidente assicurazioni che il sostegno ad Israele sia ispirato ad una strategia prudente e gli aiuti futuri subordinati alla protezione dei civili. Inoltre si chiede una maggiore trasparenza riguardo all'assistenza militare data a Israele.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto