Slovacchia al voto, sfida fra europeista Korcok e filorusso Pellegrini

(Adnkronos) –
Slovacchia al voto oggi, sabato 23 marzo 2024, per le elezioni presidenziali, in una sfida fra l'europeista Ivan Korcok e il presidente della Camera, Peter Pellegrini, alleato del premier filorusso Robert Fico. Il nuovo presidente succederà alla liberale Zuzana Caputova, europeista e filo ucraina, che ha rinunciato a correre per un secondo mandato. I sondaggi prevedono una vincita di Pellegrini al ballottaggio del 6 aprile, ma i numeri non sono distanti e una vittoria dell'ex ministro degli Esteri Korcok è ancora possibile. Il voto è cruciale per capire se la Slovacchia si trasformerà in un'altra Ungheria. Fico guida un esecutivo di minoranza, ma la sua posizione è destinata a rafforzarsi se diventerà presidente Pellegrini, leader del partito Hlas-sd, suo alleato nella coalizione di governo. Pellegrini era sulle prime largamente favorito, ma il 59enne Korcok, ex ministero degli Esteri in corsa per il partito Progressista, è ora in rimonta.  Secondo un sondaggio pubblicato martedì dall'agenzia Ako, Pellegrini sarebbe già in testa al primo turno con il 40% contro il 38,6 di Korcok, vincendo poi al ballottaggio con il 52,9%. Un sondaggio Nms Market Research dello stesso giorno, prevede che Korcak sia in testa al primo turno, ma venga battuto al secondo con il 49,1% contro il 50,9% di Pellegrini.  "Ivan Kocok può vincere. Le elezioni del 2014 e il 2019 dimostrano che la parte della società slovacca con valori occidentali è sempre forte in Slovacchia", dice l'analista politico Radoslav Stefancik, intervistato da Euroactiv. Il riferimento è alle ultime due presidenziali, quella del 2014 vinta dal filoccidentale Andrej Kiska e la successiva vinta da Caputova. Il primo aveva sconfitto Fico, la seconda il candidato del partito Smer di Fico. Ma Stefancik nota anche che Pellegrini è un politico popolare e che le conseguenze della pandemia di Covid hanno cambiato gli umori dell'elettorato. Per vincere Korcok dovrà convincere gli astensionisti o gli elettori degli altri sette candidati in gara. Ex primo ministro, il 59enne Pellegrini aveva lasciato lo Smer-SSd di Fico per formare un proprio partito. Dopo le elezioni parlamentari del 30 settembre 2023, quando ha scelto di entrare al governo con Fico e la formazione di estrema destra Partito Nazionale Slovacco, Pellegrini era stato visto da alcuni osservatori come un elemento moderatore. Ma così non è stato. Intanto l'outlet investigativo VSquare ha rivelato che, da primo ministro, nel 2020 Pellegrini aveva chiesto aiuto al collega ungherese Viktor Orban per organizzare un viaggio dell'ultimo minuto al Cremlino in modo da accreditarsi presso i filorussi in vista delle elezioni parlamentari di allora. Alla fine, Pellegrini ottenne un incontro con l'omologo russo, Mikhail Mishustin.  "L'elezione presidenziale deciderà se la Slovacchia rimarrà nel club occidentale o raggiungerò l'Ungheria, o anche la Bielorussia" – dice al Guardian l'ex primo ministro Eduard Heger – "il nostro nuovo governo ha portato la Slovacchia dalla parte del Cremlino". Il timore, aggiunge, è che Pellegrini "agisca di concerto con Fico nel dirigere la politica estera, il che potrebbe avere un effetto devastante sulla Slovacchia".  In gioco non c'è però solo la politica estera. E' possibile che l'elezione di Pellegrini, con le sue conseguenti dimissioni da leader dello Hlas-Sd, porti ad una fusione con lo Smer guidato da Fico, dando maggior potere a quest'ultimo. Le due formazioni socialdemocratiche sono state espulse l'anno scorso dal Partito socialista europeo in seguito all'accordo di governo con l'estrema destra.  In Slovacchia i presidenti ratificano i trattati internazionali, nominano i giudici delle alte corti, possono porre i veto sulle leggi e concedere amnistie. Con l'appoggio di Pellegrini, Fico potrà più facilmente portare avanti un'agenda che comprende l'abolizione dell'ufficio del procuratore speciale (competente per la criminalità organizzata e corruzione ad alto livello) e la liquidazione della televisione pubblica. Su questi temi l'opposizione è già riuscita a mobilitare l'opinione pubblica con ampie manifestazioni.  Michal Simecka, leader del Partito Progressista, arrivato secondo alle elezioni di settembre, accusa Fico di voler mettere sotto controllo il potere giudiziario. Un'accusa pesante per chi ricorda che Fico fu costretto a dimettersi da premier nel 2018 dopo l'omicidio del giornalista investigativo Jan Kuciak e la sua fidanzata Martina Kusnirova, in una vicenda che svelò i legami fra la n'drangheta e alcuni membri dell'elite slovacca, fra cui esponenti dello Smer. L'attuale presidente Caputova, prima donna a ricoprire l'incarico in Slovacchia, rimane uno dei politici più popolari del paese. Fra i fondatori del partito Progressista, si è schierata chiaramente a fianco dell'Ucraina. Lo scorso giugno aveva annunciato di non volersi ripresentare per un secondo mandato, per "motivi personali". In precedenza Caputova aveva rivelato di aver ricevuto molte minacce di morte. "La gente che minaccia di uccidermi usa lo stesso vocabolario di alcuni politici -aveva detto in tv nel dicembre 2022- non riguarda solo me, ma anche i miei cari".  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto