Sinner-Djokovic anche in Coppa Davis: “Come Nadal-Federer”

(Adnkronos) – Terzo incontro tra Jannik Sinner e Novak Djokovic in pochi giorni, stavolta in Coppa Davis, e probabilmente ce ne sarà un quarto con il doppio: un continuo incrociarsi che non sorprende l'ex capitano di Davis Corrado Barazzutti, adesso membro del team che segue Lorenzo Musetti. "Penso che sia abbastanza normale che si incontrino spesso ormai, Djokovic sappiamo chi è e Sinner è il quarto al mondo: un giocatore che ha tutte le caratteristiche per diventare il numero uno. In tutte quelle che sono le competizioni più importanti, visto che spesso arrivano in fondo, si incrociano. E' come un po' questi incontri e sfide ormai che sono diventate leggendarie tra Nadal e Federer", dice all'Adnkronos.  Siamo già a quel livello? "Non possiamo dire che siamo a quei livelli nel senso che si incontravano giocatori che hanno una storia di grandissimi risultati ma che hanno cominciato a incontrarsi da giovani. In questo caso si parla di un giocatore che è il più forte del mondo a 36 anni e di un giovane che probabilmente diventerà, mi auguro, il numero uno del mondo: quindi giustamente si incontrano ed è chiaro che si incrocino sempre più spesso". Italia e Serbia si sfidano nella semifinale di Coppa Davis. Dove possono arrivare gli azzurri di Filippo Volandri? "Penso che siano attrezzati per vincere, anzi i più attrezzati di tutti siamo noi. E abbiamo un Sinner che a questo punto potrebbe essere messo in campo nel doppio. Magari non due anni fa ma adesso sì, con il livello che ha raggiunto: abbiamo una risorsa in più rispetto agli altri, e se ci fosse stato anche Berrettini ancora di più. E, vorrei ricordarlo, c'è anche Musetti che è poco utilizzato", secondo italiano nel ranking mondiale al 27mo posto dopo Sinner "ma che deve essere considerato una grandissima risorsa. Quindi siamo forse la squadra più attrezzata del mondo". Concetti simili vengono espressi da Paolo Bertolucci. "Sinner ormai è entrato in un'altra dimensione, se la gioca alla pari con i primi tre al mondo. Si è visto bene ieri anche nel doppio" contro l'Olanda. Ora, ancora Jannik contro Nole dopo il doppio confronto alle Atp Finals. "Quando Djokovic ha perso nel girone si vedeva che non si era proprio dannato fino alla morte. Però poi, come tutti gli squali, in semifinale e finale ha sentito l'odore del sangue ed è diventato micidiale. Insomma lui è in un'altra categoria, è inutile che stiamo lì a girarci intorno". Ma in un torneo come la Coppa Davis "quando giochi tutto in una stessa giornata e in questa maniera è ovvio che le sorprese sono dietro l'angolo. Vedi il Canada che ha perso con la Finlandia, può succedere. Basta poco, senza contare poi che quello sta male, quello che ha male all'inguine, quello ha male alla spalla, insomma i mille problemi del fine stagione". Questa Italia può vincere la Davis? "Sì, certo, e se ci fosse stato anche Berrettini saremmo stati ancora più forti. Noi e la Serbia siamo i favoriti di questa manifestazione. Domani bisogna riuscire ad andare 1-1 nei singolari e poi giocarci tutto in doppio: vediamo cosa succederà".  —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto