Rigenerata a Gratteri area 10 mila mq, al via progetto ‘Le città che respirano’ Nespresso

(Adnkronos) – "Oggi per Gratteri è una bellissima giornata, simbolica. Che indica una grande voglia di rinascita del territorio". Con queste parole, il sindaco di Gratteri, piccolo centro nel cuore delle Madonie, Giuseppe Muffoletto, ha aperto la giornata dedicata all'intervento di ripristino ambientale e sostegno del territorio distrutto dagli incendi dello scorso settembre. Il fuoco ha devastato ettari su ettari di bosco con le fiamme che sono arrivate a poca distanza dal paese. E oggi un’area di oltre 10.000 mq a Gratteri, nel cuore del Parco Regionale naturale delle Madonie all’interno del Global Geopark Unesco, diventa protagonista di un importante intervento di rigenerazione ambientale, con l’obiettivo di "ripristinare la macchia mediterranea andata distrutta a causa dei gravi incendi recenti che hanno interessato la zona lo scorso settembre". Un intervento che è parte integrante del progetto “Le città che respirano” di Nespresso, promosso dall’azienda per "sostenere e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico italiano e intervenire in aree bisognose da un punto di vista di tutela, ripristino ambientale e sostegno del territorio".  La città di Gratteri è infatti custode di un territorio ricco di storia e di biodiversità, che negli ultimi anni è stato teatro di devastanti incendi che ne hanno compromesso l’equilibrio ecosistemico. Nel settembre 2023, in particolare, un violento incendio ha distrutto oltre 2.000 ettari di terreno, tra cui parte del bosco e diverse abitazioni. Un territorio che non è nuovo a tali disastrosi eventi: nell’agosto del 2007 e ancora nell’estate del 2016 due episodi incendiari di inaudita violenza avevano già “martoriato” quest’area, riducendo in cenere migliaia di ettari di vegetazione e mettendo in pericolo la cittadinanza dei centri abitati nelle immediate vicinanze. L’intervento di tutela ambientale, che ha preso il via oggi e che terminerà ad inizio 2024, avrà quindi l’obiettivo di contribuire al risanamento dei danni ambientali causati dal fuoco e preservare il valore naturalistico del Parco delle Madonie. Nello specifico l’area è situata nelle vicinanze della famosa Abbazia di San Giorgio costruita intorno all’anno 1100 dai monaci "Premostratensi" provenienti dalla Normandia.  Qui si procederà inizialmente alla pulizia dell’area ed al taglio degli alberi danneggiati dal fuoco, ricreando le condizioni ottimali per la reintroduzione delle specie vegetali caratteristiche dell'habitat preesistente. Si lavorerà poi alla messa a dimora di 300 nuove piante per sostenere la rinaturalizzazione della zona. Particolare attenzione è stata posta nella scelta delle specie individuate tra quelle autoctone e in grado di resistere al fuoco come il Leccio, la Sughera, il Corbezzolo, il Mirto e l’Alloro.  “La scelta, da parte di AzzeroCO2, del territorio del mio Comune per un intervento di ricostituzione del “verde” andato in fumo di seguito al gravissimo incendio dei giorni 21 – 22 settembre mi ha fatto gioire non poco – ha dichiarato il Sindaco di Gratteri, Giuseppe Muffoletto -. L’iniziativa, infatti, possiede una forza simbolica di tutto rispetto giacché collegata alla voglia di “rinascita” comune alle popolazioni delle Madonie tremendamente sfigurate dagli eventi incendiari degli ultimi anni. Un grazie particolare rivolgo a Nespresso che si è fatta carico della spesa necessaria per la concretizzazione dell’iniziativa”. L’iniziativa “Le città che respirano”, lanciata nel 2020 da Nespresso, rientra in “Mosaico Verde”, la grande campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente per coinvolgere aziende ed enti pubblici, con l’obiettivo di restituire valore al territorio e contrastare i cambiamenti climatici. Alla conferenza stampa di presentazione del progetto, che si è tenuta presso la Sala Consiliare del Comune sono intervenuti Giuseppe Muffoletto, Sindaco del Comune di Gratteri, Silvia Totaro, Sustainability & SHE Manager di Nespresso Italiana, Francesco Marini, di PEFC Italia, Elena Piazza, Responsabile dei progetti di forestazione di AzzeroCO2, Mimmo Fontana di Legambiente Sicilia e il Commissario del Parco delle Madonie, Salvatore Caltagirone. “Puntiamo a contribuire alla rinascita di questa zona, dopo i terribili incendi dello scorso settembre. Questa per noi è la sesta tappa di un progetto in cui crediamo tantissimo. Siamo qui perché vogliamo fare un gesto concreto per l'ambiente. L’intervento di rigenerazione ambientale cominciato oggi a Gratteri rappresenta per noi una nuova importante tappa del progetto 'Le città che respirano' con il grande valore di intervenire in maniera tempestiva dopo gli accadimenti dello scorso settembre in questa zona meravigliosa. Puntiamo a una rinascita di questo luogo per restituirlo alla comunità che lo vive e lo ama, ma anche all’Italia intera come patrimonio nazionale", dice Silvia Totaro, Sustainability & SHE Manager di Nespresso Italiana. Il progetto “Le città che respirano” fa parte del più ampio programma “Nespresso per l’Italia” dedicato a iniziative concrete e locali sul territorio, che uniscono clima, persone, ambiente ed economia circolare con il recupero e il riciclo anche delle nostre capsule di caffè. Cerchiamo di fare il nostro meglio per rendere ogni tazzina di caffè sostenibile a tutto tondo, e speriamo che questo sia l’inizio di un impegno più ampio, anche di altre realtà che possono investire a supporto dei nostri territori”, ha spiegato ancora Silvia Totaro.  Quello che è iniziato a Gratteri è un progetto che vuole essere "un segnale di ripartenza e che porterà numerosi benefici sul territorio: dal ripristino degli equilibri ecologici compromessi, consentendo alla natura di rigenerare in maniera spontanea flora e fauna autoctone, alla salvaguardia del grande valore ambientale e storico del Parco delle Madonie". Un’iniziativa che, realizzata in collaborazione con PEFC Italia, è "più di un semplice intervento ambientale, ma rappresenta una concreta opportunità di rilancio per l'intero ecosistema della zona: riqualificare 10.000 mq significa infatti rafforzare in modo concreto la capacità di ripresa ambientale e paesaggistica dell'intero Parco per aumentarne anche la resilienza climatica".  “PEFC Italia è orgogliosa di collaborare alla realizzazione di questo progetto perché qui, come in altre parti d'Italia ci occupiamo di gestione sostenibile delle foreste esistenti e di rigenerazione delle aree che hanno subito disturbi ecologici biotici e abiotici come quelli causati dalla tempesta Vaia sulle Alpi o i danni nelle aree colpite da incendi boschivi”, ha detto Francesco Marini intervenuto da remoto. "Queste azioni di rigenerezione hanno un impatto positivo non solo in termini ecologici – prosegue Marini di Pefc – rappresenta un simbolo di rinascita. Mi auguri di venire presto per vedere di presenza questo intervento".  “Le città che respirano”, attraverso cui è stato reso possibile l’intervento di Gratteri, è l’iniziativa con la quale Nespresso si impegna, insieme a Legambiente e AzzeroCO2, a tutelare il patrimonio naturalistico e ambientale italiano, con l’obiettivo di rendere l’Italia sempre più verde, aumentarne la biodiversità e dare a tutti la possibilità di vivere attivamente il proprio territorio riscoprendone la bellezza. Un progetto che dal 2020 ha permesso di riqualificare oltre 67.000 mq di territorio italiano tra Piemonte, Lombardia e Lazio con interventi urbani all’interno e nelle periferie delle città, e in Puglia, Sardegna, e oggi in Sicilia, per supportare aree colpite da gravi incendi. "Quando sono arrivata qui un mese fa sono rimasta scioccata dalla vista dei territori distrutti dagli incendi. Noi siamo davvero orgogliosi di vedere concretizzarsi in Sicilia un importante progetto di ripristino ambientale, reso possibile grazie alla partnership con Nespresso. Un intervento che permetterà al territorio di Gratteri di guarire dalle ferite subite e che consentirà di ricreare le condizioni per far rinascere un ecosistema fortemente danneggiato dagli incendi, restituendo al territorio la sua complessità naturale e preservando un patrimonio di biodiversità unico", ha spiegato Elena Piazza, Responsabile progetti forestazione di AzzeroCO2- . L’iniziativa rientra nel progetto europeo ‘LIFE Terra’ che vede Legambiente come unico partner italiano e del quale noi siamo sostenitori, un esempio concreto di come il lavoro sinergico tra diverse realtà consenta di restituire pregio ai nostri territori e consegnare ai cittadini luoghi fruibili a contatto con la natura”. “L’intervento avviato a Gratteri darà modo a quest’area del Parco di rigenerarsi attraverso la naturale ricostituzione della sua ricca biodiversità -ha dichiarato Mimmo Fontana, Componente della Segreteria nazionale di Legambiente -Interventi come questo ci ricordano l'importanza della tutela attiva del nostro capitale naturale, capaci di coniugare salvaguardia ambientale e benefici per le comunità".  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto