Povertà a Milano, le storie di chi è in fila per un pasto: “Qui per sopravvivere”

(Adnkronos) – Molti serrano le labbra. Inutile insistere, non vogliono parlare. C'è chi si schermisce e scompare nel bavero della giacca, quasi vergognandosi di farsi vedere lì. Qualcuno fa calare una mascherina chirurgica sul volto. C'è chi tiene un neonato in braccio, chi trascina dei bambini o si accompagna a una stampella. Ci sono donne ben vestite e uomini in abiti sporchi. Chi litiga con il vicino che ha provato a rubagli il posto e chi si lamenta dell’attesa. Sono tutti in fila. Tutti aspettano che arrivi il loro turno per aggiudicarsi un pasto. Per molti l’unico per i giorni a venire. Camminando fuori dai cancelli di Pane Quotidiano, l’associazione milanese che da anni offre cibo a chi non può permetterselo, viene in mente 'La Zattera della Medusa', il celebre dipinto di Théodore Géricault e la didascalia che lo accompagna: 'L'unico eroe in questa toccante storia è l'umanità'.
 Tanti sono stranieri e vengono da ogni parte del mondo. Ci sono badanti, babysitter, il rider che arriva in sella alla bici che usa per lavorare. Non mancano italiani, anziani e pensionati ma anche giovanissimi, che nonostante svolgano una professione non riescono ad arrivare a fine mese. Il lungo serpentone che da viale Toscana si snoda verso via Castelbarco non lascia spazio a dubbi. La crisi colpisce duro e Milano non è immune. "Vengo qui da 14 anni – dice all’AdnKronos Andrea, 27 anni, un lavoro come magazziniere e tre figli a carico -. Ultimamente riesco a farlo solo il sabato ma prima non era così. La fila si è moltiplicata per venti. Fino a qualche anno fa eravamo in 300, ora ci sono migliaia di persone in coda ogni giorno". Quasi cinquemila, secondo i numeri snocciolati dall'associazione.  
Per portare a casa un sacchetto di cibo Andrea resta in fila per più di un'ora. "Ho notato che fare la spesa al supermercato è aumentato di circa 80 euro rispetto a due anni fa, e parliamo degli stessi prodotti. Qui ci danno un aiuto importante, quel poco che c'è è buono, ed è un gran risparmio, ci aiuta tantissimo. Io ho un lavoro ma tra l'affitto e le spese non ce la faccio ad andare avanti e ogni sabato lo devo passare qui. Ci sono tante persone che non lavorano e sono costrette a venire qui per sopravvivere". Viene dal Perù Maximina, una badante di 52 anni che ammette di recarsi in viale Toscana solo di sabato. "Riesco ad aiutare la mia famiglia in Perù con quello che guadagno in Italia, dove sono arrivata da due anni, ma fare la spesa al supermercato è impossibile" racconta. Ha iniziato a mettersi in coda insieme a una sua amica da circa un anno e con l’aiuto di Pane Quotidiano riesce a mangiare per "due o tre giorni" senza preoccupazioni. Poi si ricomincia. Prova a nascondere lo sguardo dietro a una mascherina nera Sara, studentessa 32enne iraniana, a Milano da circa un anno per studiare management. "Non ho tempo di venire ogni giorno. Qui ci danno un aiuto, dei dolciumi, delle arance, del pane, a volte pasta e formaggio. Vivo da sola e l’affitto è aumentato, non riesco a farcela". 
Diana, invece, lunghi capelli neri raccolti in una coda di cavallo, spinge un passeggino con a bordo la figlioletta di due anni. E’ scappata dalla guerra in Ucraina l’anno scorso e ha trovato accoglienza nel capoluogo lombardo assieme a sua madre. Lavoricchia, fa le pulizie per tre ore al giorno, a volte la babysitter ma di certo questo non è sufficiente per andare avanti. "Ho 27 anni – dice – vengo qui da un anno, ogni sabato, per prendere un po’ di cibo, lavora solo mia madre e l’affitto è molto alto".  
A colpire sono i molti anziani che in silenzio attendono di ricevere il proprio pacco alimentare. Come Adele, 80 anni da compiere, originaria di Udine, che vive a Milano dagli anni Sessanta. Ogni sabato prende i mezzi pubblici da Lorenteggio, dove vive, per mettersi in fila in viale Toscana. "Lavoravo in un’impresa di pulizie – racconta – ma prima si viveva meglio. Ora prendo meno di 800 euro al mese di pensione e non ce la faccio". A Milano, osserva, la situazione è degenerata. "Fa schifo da quando c’è Sala e con la Meloni al governo è anche peggio. Lei non pensa alla povera gente e continua a tagliare sulle pensioni e sulla sanità". La signora, come molti suoi coetanei, fa fatica a tirare avanti e da mesi rimanda dei controlli cardiologici importanti perché troppo cari. "Mi hanno chiesto 255 euro per tre esami – lamenta – ma io con 800 euro di pensione come faccio? Come posso continuare così? Sarà sempre peggio".  (di Federica Mochi) —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto