Netanyahu: “Entreremo a Rafah”. Stop Usa: “Non escluse conseguenze”

(Adnkronos) – . ''Entreremo a Rafah e otterremo la vittoria assoluta. Abbiamo eliminato Haman ed elimineremo Sinwar''. E' la promessa fatta oggi, 24 marzo, dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha celebrato la festa ebraica di Purim insieme agli ufficiali del battaglione Erez della polizia militare. ''Oggi celebriamo la festa di Purim'', ha detto il primo ministro dopo la lettura del Libro di Ester. ''Oltre 2.000 anni fa nell'antica Persia un tiranno antisemita, il malvagio Haman, cercò di sterminare gli ebrei dalla faccia della terra. Gli ebrei si sollevarono, si unirono, combatterono e ottennero una vittoria completa'', ha aggiunto. ''Oggi nella Persia moderna è sorto un nuovo oppressore: il regime iraniano, che cerca di sterminare lo Stato ebraico. Abbiamo già visto cosa fece uno dei messaggeri di questo tiranno. Il 7 ottobre Hamas ha commesso quello che il presidente Biden ha definito 'un atto di pura malvagità'''. E ha aggiunto: ''Il male assoluto non può essere sconfitto lasciandolo a Rafah''. Gli Stati Uniti continuano però il pressing per impedire l'attacco a Rafah. Sarebbe ''un errore enorme qualsiasi importante operazione militare israeliana'', ha dichiarato la vice presidente Usa Kamala Harris intervistata dall'Abc, affermando di ''non escludere'' conseguenze da parte di Washington se le truppe israeliane dovessero entrare nella città a sud della Striscia di Gaza. Harris ribadisce di aver ''studiato tutte le mappe'' e di essere giunta alla conclusione che ''non c'è nessun posto dove possano andare le persone'' sfollate che hanno trovato rifugio a Rafah. ''Circa un milione e mezzo di persone sono a Rafah perché è stato detto loro di andare lì'', ha aggiunto Harris. E il presidente francese Emmanuel Macron ha avuto un colloquio telefonico con Netanyahu al quale ha spiegato che costringere la popolazione palestinese ad abbandonare Rafah, dove vivono milioni di sfollati, sarebbe ''un crimine di guerra'. Macron ha anche ribadito la sua ferma ''opposizione'' a un intervento militare delle forze di difesa israeliane (Idf) a Rafah e a un ''trasferimento forzato della popolazione'' palestinese, come si legge in una nota diffusa dall'Eliseo. Il ministro della Difesa israeliano David Gallant intanto è partito per Washington, dove ''illustrerà il vantaggio qualitativo di Israele'' nella guerra a Gaza e ''le modalità per raggiungere l'obiettivo condiviso: sconfiggere Hamas e riportare a casa gli ostaggi'', ha detto lui stesso in un video all'aeroporto Ben Gurion a Tel Aviv. ''Parto per gli Stati Uniti, su invito del governo americano, per un viaggio molto importante, per incontrare una serie di alti funzionari americani, tra cui il segretario della Difesa, il segretario di Stato, il consigliere per la sicurezza nazionale e il capo della Cia", ha affermato Gallant. Importante anche ''definire cosa abbiamo bisogno per la sicurezza di Israele, rispetto alla Striscia di Gaza, ma anche al Libano''. Israele avrebbe deciso di rilasciare tra i 700 e gli 800 palestinesi detenuti nelle sue carceri nell'ambito di un accordo per il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza e il conseguente rilascio di 40 ostaggi. Lo riporta l'emittente israeliana Channel 12 citando proprie fonti anonime, secondo le quali Israele avrebbe sottoposto a Hamas una nuova proposta di accordo in tre fasi.  Sottolineando che le autorità israeliane hanno mostrato ''maggiore flessibilità'', Channel 12 ricorda che il piano elaborato a Parigi a febbraio prevedeva nella prima fase il rilascio di 400 prigionieri di sicurezza palestinesi in cambio di 40 ostaggi, donne, bambini, malati e anziani, con una tregua di 6 settimane. Ora, invece, Israele è pronto a liberare "quasi il doppio di quel numero", riferisce Channel 12. Nella lista dei detenuti da liberare ci sarebbero anche ''100 assassini''. Altri media ebraici affermano che Israele è pronto a rilasciare 700 prigionieri di sicurezza in cambio dei 40 ostaggi. Intanto l'esercito israeliano e il servizio di sicurezza nazionale israeliano, lo Shin Bet, hanno confermato l'inizio di una nuova offensiva nella zona di Al Amal, nella città di Khan Younis, a Gaza, dove si trova un ospedale attualmente circondato dalle forze israeliane, secondo la Mezzaluna Rossa Palestinese. Secondo quanto annunciato, l'offensiva è condotta dalla 98esima divisione dell'esercito israeliano e mira a "smantellare le infrastrutture terroristiche ed a eliminare i terroristi nell'area". L'operazione è stata preceduta da attacchi aerei contro 40 obiettivi di Hamas nella zona, "compresi gli edifici utilizzati dal gruppo terroristico, i tunnel e altre infrastrutture", affermano i militari.  La Mezzaluna Rossa aveva precedentemente denunciato che "veicoli israeliani" stavano circondando l'ospedale di Al Amal, "effettuando estesi lavori di scavo" intorno ad esso, lanciando l'allarme per i suoi dipendenti, "in estremo pericolo" perché "completamente bloccati". Persi dopo l'attacco anche i contatti con lo staff presso l'ospedale al-Amal per mancanza di segnale wi-fi. Su 'X', la Mezzaluna Rossa ricorda che i servizi di comunicazione terrestre e cellulare, nonché Internet sono fuori uso nel governatorato di Khan Younis da 72 giorni. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto