Migranti, accordo Italia-Albania passerà dal Parlamento: Tajani in campo per ratifica

(Adnkronos) – Il protocollo Italia-Albania dovrà essere ratificato dal Parlamento. Il passaggio, richiesto a gran voce dalle opposizioni nei giorni scorsi, sia nelle riunioni dei capigruppo che con lettere ai presidenti delle Camere era però sempre stato negato dal governo perché "non necessario". Fino a stamattina quando, con un dietrofront a sorpresa, governo e maggioranza hanno ammesso che quel passaggio va fatto. Ma sul refrain che circola per tutto il giorno nelle dichiarazioni in aula e nei commenti degli esponenti delle opposizioni: "Il governo fa marcia indietro, con Tajani che ha smentito la Meloni e se stesso", il centrodestra respinge le accuse. Nessun ripensamento, nessuna inversione a U. In ambienti di Forza Italia si sottolinea che Antonio Tajani ha sempre sostenuto che l'accordo con Tirana andasse ratificato, senza bypassare Camera e Senato.  Altro che "rimangiarsi la parola", sarebbe stato proprio il ministro degli Esteri a spingere più di tutti per un voto del Parlamento, in accordo, riferiscono fonti del centrodestra, con la premier Giorgia Meloni e con il Quirinale, che avrebbe ricordato il ruolo centrale delle Camere. Messi a tacere i falchi della maggioranza, che avrebbero preferito tirare dritto senza passare per un voto. 'Il governo intende sottoporre in tempi rapidi alle Camere un disegno di legge di ratifica che contenga anche le norme e gli stanziamenti necessari all’attuazione del protocollo", la parole di Tajani. E ancora: ''Il dibattito di oggi e il voto che lo concluderà dimostrano, se ce ne fosse bisogno, che il nostro governo non si è mai sottratto, specie su questioni di tale rilevanza, al dialogo e al vaglio del Parlamento". "La mia faccia dice tutto, no?". Elly Schlein nel corridoio fumatori di Montecitorio sfoggia un gran sorriso per la vittoria appena ottenuta dalle opposizioni. "Il governo con una incredibile 'inversione a u' ci ha dato ragione e va a sbattere il muso sulla Costituzione. Avevamo detto che non c'era nessun accordo fino a che non fosse stato ratificato dal Parlamento". Merito anche di divisioni nella maggioranza? Schlein non lo nega: "Sicuramente qualche scricchiolio c'è stato e non è stato l'unico, ne abbiamo sentiti tanti…". La versione dell'opposizione è che Forza Italia, con il ministro Antonio Tajani in primis, ma anche la Lega non siano entusiasti dell'accordo siglato da Giorgia Meloni con Edi Rama.  Una dialettica che ha portato alla smentita del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giovan Battista Fazzolari, e del ministro Luca Ciriani che fino a ieri sostenevano che l'accordo con l'Albania non necessitava della ratifica. Lo dice in aula Riccardo Magi: "Nelle due ultime capigruppo il ministro Ciriani e anche il sottosegretario Fazzolari hanno scandito in modo perentorio che non c'era la necessità di ratifica in Parlamento". Un pasticcio che "si poteva evitare se avessero letto la Costituzione – incalza Schlein- ed è triste che dobbiamo essere noi a ricordare al governo cosa dice l'articolo 80 della Costituzione". Ma anche oggi, pur avendo incassato un risultato, le opposizioni non sono riuscite a marciare compatte. I 5 Stelle non hanno sottoscritto la risoluzione unitaria di Pd, Azione, Italia Viva, Alleanza Verdi-Sinistra e Più Europa e presentato un loro testo. "Noi abbiamo una posizione articolata nella nostra risoluzione. Oltre alla questione Albania, la nostra risoluzione tratteggia in maniera più articolata la questione immigrazione e rilancia i capisaldi della nostra terza via", spiegano fonti M5S.  Una 'terza via' rispetto a quella della destra ma anche a quella del Pd. Una posizione che non è una novità. Lo aveva detto chiaramente a Porta a Porta tempo fa Giuseppe Conte: "Noi siamo per la 'terza via' sull'immigrazione. Il Pd è per l'accoglienza indiscriminata. Non è possibile. Come non è possibile il blocco navale". Ne seguirono scintille. "Parla come Meloni", fu la replica del Pd. E anche oggi non sono mancate battute al vetriolo in Transatlantico: "La risoluzione dei 5 Stelle? Sono tornati al Conte 1…". Quello dei decreti Sicurezza con Matteo Salvini. Ma Schlein, che stamattina si è intrattenuta con Conte in un angolo del Transatlantico, glissa: è un problema che i 5 Stelle non abbiano sottoscritto la risoluzione unitaria delle opposizioni? "No, nessun problema. La critica sull'accordo e la necessità di ratifica in Parlamento sono punti comuni", risponde Schlein che garantisce "battaglia" in aula. "Sappiamo che loro hanno i numeri, ma questo accordo ha profili di violazione del diritto internazionale e della Costituzione. Daremo battaglia in Parlamento". Un assaggio c'è stato già negli interventi oggi delle opposizioni che si apprestano non solo a chiedere conto sul profilo giuridico dell'accordo, ma anche sui costi. Matteo Mauri del Pd evidenzia come non solo il protocollo sia stato reso noto solo dopo la conferenza stampa di Meloni e Rama ma anche con "una pagina mancante: quella con l'impegno per i primi 16,5 milioni di euro di spesa”. Scrive Carlo Calenda sui social: è solo "fuffa elettorale a spese del contribuente".  —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto