Libro “Italiani d’Argentina – Storia della nostra emigrazione in Argentina nei secoli XIX e XX”

La storia dell’Argentina moderna è stata fortemente permeata dalla presenza degli immigranti europei e tra questi quelli italiani hanno avuto un ruolo rilevante sin dai tempi delle scoperte e delle esplorazioni geografiche del XVI secolo. Il fenomeno dell’emigrazione si accentua dalla metà del XIX secolo con l’arrivo di centinaia di migliaia di uomini e donne che lasciano l’Italia alla ricerca di una vita migliore, dando inizio ad un processo di trasformazione e reciproca influenza tra le culture che ancora oggi sono facili da riscontrare nella vita quotidiana, nel linguaggio, nelle abitudini alimentari ed in molti altri comportamenti e aspetti peculiari degli argentini.

Il fenomeno si è poi invertito alla fine degli anni novanta a seguito della crisi economica argentina, con la ricerca disperata da parte di molti oriundi di terza o quarta generazione di un documento che potesse provare le origini italiane, permettendogli in questo modo di risiedere legalmente e quindi poter lavorare in Europa, percorrendo al rovescio la strada dei loro antenati.

L’evento migratorio verso l’Argentina è stato qualcosa di molto singolare e forse unico nel mondo, considerando che è molto difficile riscontrare in un altro paese un’influenza così forte da parte dei nostri immigrati. Oggi in Argentina risiede una comunità di italiani tra le più importanti del Sud America, quantizzabile secondo gli ultimi dati in più di 1 milione di persone, mentre gli oriundi sono più di 15 milioni.

Il libro, che ritengo singolare nel suo genere, prende spunto dalla mia tesi di laurea in Scienze Politiche. Ero attratto e incuriosito dalla storia di emigrazione della mia famiglia (il mio bisnonno materno era emigrato a Buenos Aires a principio del 1900, mio nonno Vittorio e mio padre sono emigrati in Argentina dopo la guerra, mia madre era argentina e io stesso sono nato in quel paese) e ho deciso di studiarla in maniera più approfondita.

Il libro “Italiani d’Argentina” che ho recentemente presentato in Argentina, offre una visione d’insieme del fenomeno delle migrazioni italiane in Argentina, ed evidenzia l’influenza, sia positiva che negativa, esercitata dai nostri connazionali durante il XIX e XX secolo nei diversi settori della società: quello industriale e operaio, sindacale, dell’agricoltura, politico, l’architettura (incredibilmente a Buenos Aires è stato costruito nel 1923 Palacio Barolo basandosi sulla Divina Commedia di Dante. L’edificio si compone infatti di tre parti, corrispondenti all’inferno, purgatorio e paradiso, con in cima un faro che rappresenta metaforicamente l’empireo!), quelli culturale, artistico e linguistico (come il caso del “cocoliche” e del “lunfardo”, da cui derivano parole d’uso comune come pibe, minga, feta, tano o laburo), lo sport finanche all’associazionismo.

Partendo proprio dalle ragioni che hanno favorito l’emigrazione dal nostro paese verso l’estero, e i motivi storici e sociali che invece hanno favorito l’immigrazione proprio in Argentina,il libro si propone anche di confutare con fonti bibliografiche e ricerche storiche, l’idea che i nostri connazionali venissero accolti con le braccia aperte e senza problemi. In Argentina non era così. Invero la vita di molti dei nostri connazionali era invece caratterizzata da grandi sacrifici, lotte, sofferenze e anche da speranze deluse e fallimenti. Inoltre, contrariamente a quanto si pretende di far credere oggi, nessuno gli regalava nulla né tantomeno loro lo pretendevano.

La storia evidenzia inoltre, che le politiche riguardanti l’immigrazione in Argentina a partire dal 1820 circa erano gestite a livello centrale dai vari governi succedutisi e frutto di precise scelte, dettate dalla realtà sociale, demografica, geografica e le necessità di crescita e sviluppo del paese. 

Si gestiva l’immigrazione invece che subirla, e si pianificava chi poteva entrare in base alle competenze, professionalità e finanche il paese di provenienza.

Il risultato finale è che in Argentina possiamo trovare le caratteristiche di una nazione globalizzata “ante litteram”, dove convivono da due secoli persone di nazionalità, razze, culture e religione diverse in modo abbastanza tranquillo. È un paese che è stato contraddistinto sino agli anni ottanta da una forte mobilità e pochi vincoli aprioristici per la scalata delle classi sociali, disponendo di ottime scuole e università statali che facilitavano il raggiungimento di aspettative anche elevate.

L’Argentina di oggi è il frutto dell’immigrazione, e l’immigrazione è la sommatoria di milioni di storie individuali di persone che hanno scelto per diversi motivi di abbandonare il proprio paese per radicarsi in quelle terre lontane. Gli italiani in due secoli, sono riusciti con i loro comportamenti quotidiani, usanze e abitudini a influenzare lo stile di vita argentino, facendone un paese unico nel mondo.

E il libro che parla del passato pone interessanti spunti di riflessione per il presente, e futuro. In un mondo dove regna il “politically correct” e la “cancel culture” con effetti spesso deleteri, avrebbe senso adattare il pensiero di D.F. Sarmiento come lui lo fa nella sua opera Facundo per affrontare il problema demografico/migratorio come una dicotomia civilizzazione/barbarie in chiave moderna?

Elementi questi che potrebbero contribuire ai dibattiti in corso in merito all’immigrazione e agli immigranti di cui abbiamo bisogno per alleviare il problema demografico, che ci attanaglia da oramai trent’anni.

Oltre a fare conoscere meglio ciò che i nostri predecessori, talvolta in maniera del tutto inconsapevole con i loro grandi sacrifici sono riusciti a fare in quel paese, e come con le loro abitudini hanno condizionato il modo di vivere degli argentini, il libro potrebbe contribuire a fornire elementi di analisi e valutazione sui fenomeni migratori in atto e le potenziali conseguenze future, stimolando ad esempio, la necessità di iniziative che favoriscano il ritorno in Italia dei figli, nipoti o pronipoti dei tanti emigranti italiani sparsi in tutto il mondo.

 1 SARMIENTO Domingo Faustino (1811 – 1888), scrittore, giornalista, pedagogo e presidente argentino. A seguito dei suoi viaggi in Europa e America, diventa sostenitore dell’importanza di una società aperta all’immigrazione e ai capitali stranieri. Durante la sua presidenza modifica radicalmente il sistema educativo argentino, portandolo ad essere uno dei migliori del mondo.

VIDEO DI PRESENTAZIONE:

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto