Lega, Follini: “Da Salvini strategia misteriosa, ma il più a rischio è lui”

(Adnkronos) – "C’è qualcosa di quasi misterioso nell’ostinazione con cui Salvini insiste su una linea politica che smentisce sia la tradizione della Lega d’antan, quella di Umberto Bossi, sia i vincoli di coalizione che lo legano, o almeno dovrebbero, alla premier Giorgia Meloni. Un mistero rinnovato nei giorni scorsi con la festosa celebrazione delle elezioni russe 'vinte' da Putin. Laddove non è facile capire se sia la convinzione, l’ostinazione o una qualche forma di condizionamento a fargli esprimere un commento che contraddice la realtà di quel voto e il giudizio che ne viene dato ad opera di tutte, o quasi tutte, le forze politiche di casa nostra. Eppure questa difforme filosofia di Salvini viene ripetuta ormai troppe volte per essere considerata casuale. Essa rivela piuttosto una strategia. E sembra attendere la prova del voto europeo per misurare la sua fortuna e il suo destino. Quello di una vittoria (improbabile) oppure di una sconfitta -dato che ormai il pareggio non viene più contemplato. Ancora in questi giorni la sfida s’è rinnovata con il raduno, promosso da Salvini, di alcune fazioni antieuropeiste chiamate a raccolta nel nome di una visione geopolitica agli antipodi non solo con quella che governa Bruxelles e Strasburgo ma anche con quella che Meloni non si stanca di ribadire tra una passeggiata e l’altra che le capita di fare in compagnia di Ursula Von der Leyen. Segno appunto che dietro tutta questa difformità ci deve per forza essere una scelta strategica. E cioè una scommessa che non vale solo per la politica verso l’Europa ma promette di avere ricadute significative anche nel cortile di casa. Fino ad aprire un confronto e magari anche un conflitto dentro le robuste mura del partito di cui Salvini è il leader sempre meno incontrastato. A voler raccontare le cose tagliandole con l’accetta si può dire che in questi mesi Salvini e Meloni si sono scambiati le parti in commedia. Prima, Meloni era più a destra e tuonava contro l’establishment. E quando Salvini, sia pure senza troppo entusiasmo, saliva sul carro di Draghi e del suo governo, la leader di Fratelli d’Italia non gli lesinava aspre critiche. Ribadite qualche mese dopo, allorché Salvini pensò bene di votare per la rielezione di Mattarella senza neppure avvertire la sua futura premier. Calò il gelo in quelle circostanze. E solo l’imminenza della campagna elettorale costrinse i due a ritrovare un briciolo di sintonia. All’indomani il copione però si rovesciò. E mentre Meloni scelse di governare mettendo un bel po’ d’acqua nel vino della sua antica destra, Salvini cominciò a pensare che il suo spazio vitale dovesse essere quello che Meloni a quel punto lasciava senza presidio. Di lì in poi è stato un crescendo. Lei (quasi) sempre più istituzionale, lui sempre più barricadiero. Lei un po’ felpata, lui volutamente ruvido. Lei baciata da Biden, lui in ansiosa attesa del ritorno di Trump. Lei che non si fa intimidire dalle intemerate del generale Vannacci e lui che invece si appresta a metterlo in lista. E via enumerando una gran quantità di reciproche distinzioni che si vanno facendo sempre più ampie man mano che si avvicina lo show down elettorale. Ora, è evidente che il lieto fine a questo punto è assai difficilmente contemplato. E per quanto i due si affannino a rassicurare sulla tenuta della loro alleanza la trama di un possibile compromesso risulta ormai assai sfilacciata. Ma è evidente pure che se il conflitto dovesse superare il livello di guardia il rischio maggiore sarebbe per Salvini, più debole nei numeri e nel ruolo. Così, quello che resta da capire è la ragione di tanto azzardo. Segno evidentemente o di una grande convinzione politica o di una grande propensione al rischio. (Nel frattempo converrà tenere a mente -a proposito della terra di Putin- una vecchia fiaba russa trascritta dallo scrittore Viktor Sklovskij. Racconta la vanteria di un apprendista del diavolo che proclamava di essere capace di donare giovinezza a un vecchio. Per riportarne indietro l’età occorreva però che il vecchio venisse bruciato. Cosa che l’apprendista fece con tutto lo zelo del caso. Salvo scoprire che a quel punto era diventato impossibile resuscitarlo). (di Marco Follini) —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto