La Lazio raccontata alla Camera, 120 anni di dibattiti e non solo

(Adnkronos) – I tifosi della Lazio sperano che lo stadio Flaminio possa tornare ad essere quello della propria squadra del cuore e che sia sottratto al degrado attuale, ma già il 19 gennaio del 1960 il deputato della Dc Marcello Simonacci chiedeva ai ministri dei Lavori pubblici e del Turismo "quanto degli 800 milioni spesi per la costruzione" di quell'impianto fosse "stato impiegato per opera di drenaggio, considerato che domenica 17 gennaio l'arbitro è stato costretto a sospendere al primo minuto Lazio-Genoa, perchè il campo ridotto a risaia". E se oggi il conflitto tra Russia e Ucraina ostacola la partecipazione degli atleti russi alle manifestazioni sportive, il 15 ottobre del 1954, nei primi anni della guerra fredda, intervenendo nell'Aula della Camera dei deputati, il deputato del Pci Orazio Barbieri chiedeva perchè il Governo non avesse autorizzato una rappresentativa sovietica ad incontrarne una di Lazio e Roma.  Le polemiche sulla validità e l'efficacia di farmaci e cure mediche non sono una costante soltanto degli ultimi tempi, specie dopo il Covid, visto che il 16 marzo del 1976 il deputato missino Cesco Baghino rivolgeva un'interrogazione al ministro della Sanità, sottolineando che "a causa di una tensione del consiglio di amministrazione dell'ospedale San Martino a Genova il professor Imperato è impossibilitato a proseguire le particolari ricerche alle quali si dedica da anni per curare gli ammalati di tumore, con metodi propri". Tra i suoi pazienti anche il leggendario allenatore della Lazio, Tommaso Maestrelli, che di lì a qualche mese si sarebbe dovuto arrendere alla malattia. Sono alcune delle curiosità, in alcuni casi vere e proprie chicche, contenute nel libro di Emanuele Gatto 'Montecitorio biancoceleste. Dal 1900, la Lazio negli atti della Camera', edizioni Eraclea, un modo nuovo e originale di narrare gli oltre 120 anni di storia della prima squadra della capitale.  Inevitabile il racconto dell'eco che arriva in Assemblea e nelle commissioni di vicende drammatiche come gli omicidi di Luciano Re Cecconi, Vincenzo Paparelli e Gabriele Sandri; di momenti oscuri e controversi come il calcioscommesse; di polemiche legate ad episodi di violenza, di razzismo e di antisemitismo.  Alzi però la mano chi sa che anche la Lazio, in piena dittatura fascista e smentendo quindi una facile e superficiale vulgata, insieme a tanti altri Enti pubblici e privati, si opponeva alla costruzione, da parte della società Terni, di due laghi artificiali nelle piane di Opi e di Barrea all'interno del Parco nazionale d'Abruzzo. Ne parla il 18 dicembre 1926 il deputato Erminio Sipari, cugino di Benedetto Croce, in un'interrogazione al capo del Governo e a vari ministri, arrivando a scontrarsi di lì a poco con esponenti di primo piano del regime.  Nel libro non mancano anche riferimenti a momenti che restano scolpiti nella mente e nel cuore del tifoso laziale. È il caso dell'interrogazione presentata dal deputato del Ccd Giuseppe Barone, che tre giorni prima dello storico 14 maggio del 2000 e dopo le polemiche seguite al goal annullato a Cannavaro in Juventus-Parma, chiede al ministro per i Beni e le attività culturali "se non intenda rapidamente suggerire alla Figc ed alle squadre l'utilizzazione di un arbitro straniero e quindi non sottoposto a pressioni ambientali pro o contro" per Perugia-Juventus, poi affidata alla direzione di Pierluigi Collina. Ampio il capitolo dedicato all'acceso dibattito che fa seguito all'accordo tra l'Agenzia delle Entrate e la Lazio per la rateizzazione del debito fiscale, con un agguerrito Giorgio Benvenuto, ex segretario della Uil e deputato dei Ds, in prima linea nel contestare le decisione, e il leghista Daniele Molgora, sottosegretario all'Economia, che non nasconde le sue perplessità pur parlando dai banchi del Governo.  Del resto, come spiega l'autore Gatto, giornalista che si occupa di politica e cultura, "riportare la 'fredda cronaca' positiva o negativa, encomiastica o denigratoria, è stata la direttrice su cui ci si è mossi", con "l'auspicio che d'ora in avanti la storiografia sulla Lazio possa aprirsi a nuovi filoni di ricerca".   —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto