Italia-Croazia, oggi Meloni a Zagabria 20 anni dopo Berlusconi

(Adnkronos) – Sul tavolo, le sfide future dell'Unione europea in vista del voto del 2024 ma anche il rilancio dei rapporti bilaterali con un paese geograficamente vicino, sul quale l'Italia punta moltissimo. A 20 anni dall'ultima visita bilaterale in terra croata – all'epoca Silvio Berlusconi sedeva a Palazzo Chigi – oggi 16 novembre la premier Giorgia Meloni volerà a Zagabria per una missione che si articola in due parti: il primo appuntamento è la cena in programma alle 19.30 di stasera, che vedrà al tavolo, oltre a Meloni e al primo ministro della Croazia Andrej Plenkovic, anche i capi di governo di Malta, Polonia e Slovacchia; il secondo 'step' sarà il bilaterale di domani mattina tra la presidente del Consiglio e l'omologo croato. Quella di oggi sarà l'ultima delle quattro cene organizzate dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel (le altre si sono svolte a a Parigi, Berlino, Copenaghen) per discutere dell'"agenda strategica", documento che stabilisce le priorità di azione della Ue e che sarà adottato all'inizio della prossima legislatura europea, nel 2024.  Nella lettera di invito indirizzata da Michel ai leader europei vengono posti alcuni quesiti, in particolare si chiede quali politiche e programmi devono essere migliorati per rafforzare la posizione globale dell'Ue; dove andrebbe concentrato il budget condiviso della Ue e come finanziarlo; come migliorare l'attuale processo decisionale 'a 27' e se vanno riviste le regole di voto, adattandole possibilmente a un numero maggiore di componenti. "In questo contesto, dobbiamo riflettere sulla capacità dell'Ue di agire e di raggiungere i suoi obiettivi", ha spiegato Michel nella lettera, ricordando che all'ultimo Vertice Ue informale di Granada i capi di Stato e governo hanno "definito un quadro ampio e coperto una serie di priorità: sicurezza e difesa, resilienza e competitività, energia, migrazione, impegno globale e allargamento dell'Unione". La missione a Zagabria consentirà a Meloni di promuovere la visione del governo sui principali dossier europei. Per il governo italiano la Ue deve concentrare le proprie risorse su temi di grande respiro dove i singoli Stati nazionali non possono efficacemente operare da soli: un concetto che la leader di Fdi ribadirà nel corso del bilaterale con Plenkovic, dove si parlerà certamente anche della questione migratoria ("uno dei temi del colloquio, ma non quello principale", puntualizzano fonti di Palazzo Chigi). Ci sarà spazio anche per discutere di autonomia energetica, tutela delle imprese italiane ed europee in un mondo commerciale sempre più aperto, e revisione del quadro finanziario pluriennale. L'incontro con Plenkovic arriva dopo il faccia a faccia tra Meloni e il premier sloveno Robert Golob andato in scena martedì a Palazzo Chigi: "Slovenia e Croazia – ricordano fonti di governo – sono per noi Paesi fondamentali, l'Italia li ha voluti nel Med 9", il gruppo informale che raccoglie 9 Paesi mediterranei membri dell'Unione europea. "Dopo tanti anni, finalmente non abbiamo più contenziosi con queste nazioni: anzi, con loro lavoriamo insieme per andare avanti su diversi ambiti tra cui l'allargamento dell'Unione ai Balcani occidentali". Positiva l'intesa tra Meloni e Plenkovic: il premier croato "parla uno splendido italiano, con lui lavoriamo molto bene", fanno sapere dalla Presidenza del Consiglio. Di migrazione e Balcani oggi ha parlato, ospite del forum dell'Adnkronos, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani, il quale ha affermato che i controlli alla frontiera con la Slovenia e la sospensione di Schengen dureranno "quanto necessario": "Questa – ha sottolineato l'esponente di Fdi – è una scelta che noi abbiamo voluto, e che io ho profondamente caldeggiato da friulano e da ex consigliere regionale, perché conosco bene la questione del confine orientale, di cui purtroppo si è parlato meno rispetto ad altre questioni. Lì c'è un problema di immigrazione clandestina molto serio e preoccupante che arriva dai Balcani, e c'è anche il rischio che si infiltrino terroristi e cellule dormienti", ha messo in guardia Ciriani, denunciando come il problema della rotta balcanica sia stato "ignorato dalla politica nazionale, che lo ha sempre considerato un fenomeno quasi irrilevante". —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto