Israele, zio del 12enne ostaggio: “Rilascio Yagil? Scottati da troppi annunci, aspettiamo certezza”

(Adnkronos) – "Solo quando avremo una telefonata da parte di una autorità, che sia il governo o l'esercito, che ci darà informazioni certe sui nostri cari in ostaggio, allora potremmo crederci. Troppe le notizie circolate e poi smentite dai fatti", "siamo scottati". Così ad Adnkronos Yaniv Yaakov, zio del 12enne Yagil, apparso due settimane fa in un video della Jihad islamica palestinese che ne annunciava il rilascio imminente per questioni umanitarie dopo essere stato rapito dal Kibbutz Nir Oz lo scorso 7 ottobre. Rilascio che non è ancora avvenuto, ma che oggi potrebbe sembrare più vicino mentre si rincorrono le voci di un possibile accordo imminente mediato dal Qatar, mentre si attende di vedere la lista degli ostaggi che verranno liberati e che Doha diffonderà. Yaniv ricorda la gioia e poi lo sconforto dopo aver visto il nipote nel filmato. Ricorda che si sono "alzati da tavola e hanno urlato di gioia", poi si sono "messi a ballare in cucina, eccitati" Yaniv e la sua famiglia. "Hanno detto che lo avrebbero rilasciato", che la sua liberazione era "imminente", ricorda Yaniv il cui figlio "ha solo un anno in meno di Yagil ed è molto legato a lui, per lui è come un fratello maggiore". Ma ad oggi Yagil, così come anche il fratello di 16 anni Or, il padre Yair e la compagna di lui Meirav Tal, sono ancora nelle mani dei rapitori.  "Quando abbiamo capito che non lo avrebbero rilasciato veramente, che era solo un altro trucco psicologico, è stato un colpo psicologico durissimo: da allora non hanno liberato né lui, né nessun altro", afferma Yaniv. Tuttavia, aggiunge, "abbiamo cercato il lato positivo. Abbiamo visto Yagil, lo abbiamo visto parlare. Sembrava un po' debole e siamo molto preoccupati perché ha una allergia gravissima alle noccioline", ma vederlo "ci ha dato anche molta forza, come famiglia", la forza di "raccontare al mondo cosa è successo e cosa non deve più succedere, il rischio che tutta l'umanità sta correndo perché questa non è una guerra contro gli israeliani, ma contro la pace". Spiegare ad esempio che "non si può andare in piazza a manifestare il proprio sostegno a una organizzazione terroristica, perché tutto il mondo è in pericolo". Ieri Yaniv Yaakov ha avuto un incontro con ministri del governo israeliano per parlare della "situazione degli ostaggi, per fare il punto della situazione di quello che abbiamo vissuto e stiamo vivendo". Imprudente sarebbe diffondere i dettagli dell'incontro di ieri sera, "è una questione troppo delicata". Un rilascio che la nonna di Yair "continua a elemosinare", racconta Yaniv, "mia madre vive agonizzante da quel 7 ottobre. Io sono lo zio, a lei hanno rapito il figlio e i nipoti. Da allora sta elemosinando al mondo di fare qualcosa perché vengano rilasciati". Yaniv, che vive a Gan Yavneh nel centro di Israele, vuole quindi "rivolgere un appello per il rilascio della mia famiglia e di tutti gli ostaggi. Perché sono civili e non hanno alcun modo per proteggersi. Perché i terroristi sono andati nella loro casa, che è il posto più sicuro per tutti, o almeno così dovrebbe essere, e li hanno presi. E' inammissibile". Un appello, Yaniv lo estende alla "Croce Rossa internazionale, il minimo che dovrebbe fare è farci avere un segnale che tutti gli ostaggi ricevono le cure di cui hanno bisogno, che sono in buona salute". Ma la crisi degli ostaggi, prosegue, non riguarda solo Israele e avverte: "State attenti, nessuno è al sicuro". Ed è per questo, chiede, che ''il mondo deve restare unito e combattere insieme la minaccia. Perché in Israele sono entrati nelle case e hanno ucciso e rapito donne, bambini, anziani, uomini. Questo è incredibile". Ma "abbiamo visto anche molta violenza per le strade dell'Europa e questo non dovrebbe accadere, non dovrebbe diventare pericoloso anche solo camminare per strada. Questo va impedito''. Secondo Yaniv ''quello che il mondo deve capire è questo: la situazione è pericolosa per tutti, per l'umanità intera. Proprio per questo che serve un'azione comune per la pace, non mi stancherò mai di ripeterlo''. Yaniv Yaakov, che lavora nella direzione dell'azienda informatica VMware, aggiunge che ''siamo cresciuti con la convinzione che tutti, dall'altra parte, hanno una madre. E dobbiamo essere comprensivi per la loro situazione. Ma so e credo che non siano cresciuti allo stesso modo'' i palestinesi di Hamas. Perché nell'attacco sferrato il 7 ottobre ''sono stati brutali nei confronti di bambini e di persone innocenti. Non se ne sono preoccupati''. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto