Israele, il piano per distruggere Hamas: obiettivo possibile? L’analisi

(Adnkronos) –
Israele allarga l'operazione nella Striscia di Gaza, l'attacco si estende ora dopo ora. L'obiettivo dichiarato e ribadito ogni giorno dal premier Benjamin Netanyahu, però, rimane lontano. Il quadro, estremamente complesso, è delineato dal Washington Post, che ha analizzato lo scenario prendendo in considerazione 4 elementi principali: territori, soldati, tunnel e missili. Secondo funzionari della sicurezza israeliana, almeno 5.000 uomini di Hamas sono stati uccisi. Le operazioni delle forze di difesa israeliane (Idf) e i raid non hanno però minato la struttura dell'ala militare, stimata in 30.000 unità. I funzionari israeliani, rimasti anonimi, hanno parlato con il 'Washington Post' per discutere delle operazioni militari in corso e di dettagli che non sono stati resi pubblici. Le operazioni nel nord della Striscia, in particolare, sarebbero tutt'altro che concluse.  Sebbene gran parte di Gaza City sia stata rasa al suolo dagli attacchi aerei, le forze di terra devono ancora entrare in alcune delle roccaforti chiave di Hamas. "Sarà un lavoro lungo", ha dichiarato il tenente colonnello Richard Hecht, portavoce dell'esercito israeliano, "abbiamo bisogno di tempo". 
Le pressioni internazionali per ridurre al minimo le vittimi civili probabilmente influenzeranno il ritmo delle operazioni nel sud, mentre Israele cerca di mantenere il sostegno degli Stati Uniti. Il costo è già stato devastante, con quasi 16.000 palestinesi uccisi, tra cui più di 5.000 bambini, secondo il ministero della Sanità di Gaza. "Penso che abbiamo raggiunto un momento in cui le autorità israeliane dovranno definire più chiaramente qual è il loro obiettivo finale", ha dichiarato lunedì il presidente francese Emmanuel Macron. "La distruzione totale di Hamas? Qualcuno pensa che sia possibile? Se è così, la guerra durerà 10 anni". Il primo fattore analizzato dal quotidiano statunitense è il territorio. Circa un terzo della città di Gaza è ancora fuori dal controllo delle forze israeliane, comprese alcune aree che dovrebbero essere pesantemente fortificate, ha dichiarato Micheal Milshtein, ex capo del dipartimento palestinese dell'agenzia di intelligence militare di Israele Durante la recente pausa dei combattimenti, decine di miliziani armati e con i volti coperti sono apparsi in una piazza principale per consegnare degli ostaggi, indicando la continua presenza del gruppo in quella che un tempo era la città più grande dell'enclave. L'esercito israeliano ha finora aggirato le roccaforti militari note di Hamas, tra cui Shejaiya, dove nel 2014 si sono svolte alcune delle battaglie più intense dell'Operazione Piombo Fuso e dove Hamas si è probabilmente trincerato per combattere.  "Sarà molto dura", ha detto Milshtein riguardo alla potenziale battaglia nell'area, aggiungendo che Hamas "ha davvero preparato tutte le sue infrastrutture". Le immagini satellitari scattate da Planet Labs il 30 novembre, poco prima della fine della pausa temporanea dei combattimenti, hanno mostrato pochi segni di presenza militare israeliana intorno ai quartieri di Shejaiya o Jabalya, un altro agglomerato a est. Ma le aree sono state al centro di pesanti bombardamenti e raid dal ritorno dei combattimenti alla fine della scorsa settimana. "Questo è un annuncio finale: Siete tutti obiettivi", ha scritto domenica su X il portavoce arabo dell'Idf Avichay Adraee, rivolgendosi ai militanti di Shejaiya. Sebbene Israele stia attualmente bombardando il sud con attacchi aerei e le vittime stiano aumentando, le pressioni internazionali renderanno difficile per l'Idf replicare la strategia settentrionale a lungo termine e la campagna si concentrerà più probabilmente su raid e operazioni più mirate. "Molto probabilmente ci sarà una qualche forma di campagna controinsurrezionale di livello inferiore nei prossimi mesi", ha detto. Un funzionario della sicurezza israeliana ha confermato questa valutazione: "Le nostre operazioni saranno molto diverse da come abbiamo operato a Gaza City, perché è molto più sovraffollata". Per quanto riguarda le perdite sul campo, i funzionari della sicurezza israeliana hanno ammesso che la cifra di 5.000 combattenti morti sarebbe solo una stima. "Stiamo lavorando sull'intelligence, analizzandola e capendo quanti e dove sono stati uccisi", ha detto uno dei funzionari. Il conteggio è complicato dal fatto che si ritiene che molti militanti siano stati uccisi sottoterra, nei tunnel. I funzionari di Hamas non hanno reso note le cifre dei loro morti in guerra e hanno rifiutato di commentare. "Abbiamo solo una fonte, e sono le Idf, che sono interessate, in molti modi, ad aumentare i numeri", ha detto Micheal Horowitz, responsabile dell'intelligence della società di consulenza sui rischi Le Beck International.  
Si ritiene che Hamas abbia tra i 27.000 e i 40.000 combattenti, e gli analisti ritengono abbia facile accesso alle reclute. Ma il numero complessivo di soldati è meno importante per Israele che 'decapitare' la leadership di Hamas, in particolare Yahya Sinwar, il capo di Hamas a Gaza che l'esercito israeliano ha descritto come un "morto che cammina". "Sono loro i loro simboli, sono loro che hanno l'autorità di governare la Striscia", ha dichiarato Eyal Hulata, capo del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano fino all'inizio di quest'anno.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto