Israele-Hamas, tregua per pochi giorni: poi attacco a Gaza sud, lo scenario

(Adnkronos) –
Tregua ancora per pochi giorni, poi la ripresa dell'attacco di Israele stavolta concentrato nel sud di Gaza. E' lo scenario delineato dal Washington Post per il futuro dell'operazione militare dello Stato ebraico nell'enclave palestinese, scattata in risposta al massacro del 7 ottobre da parte di Hamas. Secondo il giornale americano di area conservatrice, i giorni successivi alla tregua entrata in vigore venerdì scorso sono stati "luminosi" rispetto a settimane di "desolazione" e morti. I civili bloccati a Gaza hanno iniziato a ricevere gli aiuti, più di 90 ostaggi tenuti da Hamas sono stati rilasciati e in cambio Israele ha liberato oltre 200 palestinesi, molti dei quali erano in carcere senza accusa. Ma l'apparente miglioramento della situazione è solo il risultato di quello che c'è stato prima della tregua: Gaza è stata devastata da migliaia di attacchi aerei e combattimenti, con oltre 13mila palestinesi morti e l'80% della popolazione sfollata. E anche in Cisgiordania divampa la violenza. Le previsioni per il futuro non lasciano ipotizzare nulla di positivo. Nonostante gli appelli delle Nazioni Unite e delle parti mediatrici, compreso il Qatar, la tregua sembra destinata a finire presto. Il governo del primo ministro, Benjamin Netanyahu, ha indicato che lo stop ai combattimenti non potrà durare più di 10 giorni, ovvero non oltre questo fine settimana. Dopodiché, Israele è determinato a riprendere la guerra dal momento che il suo obiettivo primario – la distruzione di Hamas – non è stato ancora raggiunto. Ieri il capo dell'esercito israeliano, Herzi Halevi, ha dichiarato di aver approvato il piano di battaglia per i prossimi giorni. "Sappiamo cosa è necessario fare e siamo pronti per il passo successivo", ha detto. Non è chiaro cosa implichi esattamente questo piano, ma l'unica strada per le forze israeliane sembra essere quella diretta a sud, evidenzia il Washington Post, sottolineando che funzionari israeliani ritengono che molti leader di Hamas siano fuggiti in questa zona da Gaza City e dal nord. Non a caso, prima che iniziasse la pausa, Israele aveva iniziato a lanciare volantini vicino a Khan Younis, una città nel sud della Striscia, chiedendo alla popolazione di spostarsi verso ovest. 
La ripresa dell'operazione militare porta inevitabilmente con sé i timori, anche degli Stati Uniti, che possa verificarsi un'altra mattanza di civili. Si stima che circa due milioni di palestinesi ed un'ampia percentuale degli sfollati si trovino nella parte meridionale di Gaza, molti dei quali hanno già dato ascolto ai precedenti avvertimenti israeliani di lasciare l'area settentrionale, densamente popolata.  In privato, secondo il Washington Post, l'Amministrazione Biden ha iniziato ad ammonire gli israeliani sulla necessità di ridurre il più possibile le vittime civili. "Non possono fare nel sud quello che hanno fatto nel nord", ha dichiarato un alto funzionario. Gli Stati Uniti chiedono rigidi limiti operativi su dove possano svolgersi le operazioni e la protezione di ospedali e strutture delle Nazioni Unite. E mentre Washington continua a lavorare per un'estensione della tregua, in patria Netanyahu subisce pressioni nel senso opposto. "Fermare la guerra = mandare in frantumi il governo", ha detto martedì l'esponente di estrema destra Itamar Ben Gvir, che ricopre il ruolo di ministro della Sicurezza nazionale nella fragile coalizione di governo. Non molto tempo dopo, Netanyahu ha detto che "non esiste situazione in cui non si torni a combattere fino alla fine". Non è difficile capire perché le autorità israeliane si irritino all'idea di un cessate il fuoco prolungato. Se lo scopo più significativo di questo conflitto è distruggere Hamas, quel compito non è completo: chiaramente Hamas non è stato distrutto se tiene ancora degli ostaggi ed è in grado di negoziare il loro rilascio. Israele, inoltre, deve fare i conti con l'enorme costo economico del conflitto, dato il numero di persone che ora lavorano nell'esercito piuttosto che nell'economia: la Banca Centrale prevede che la guerra con Hamas costerà 53 miliardi di dollari tra il 2023 e il 2025, con un colpo del 3% sul Pil.  Alcuni sostengono che valga la pena pagare il prezzo. "I costi della guerra sono a breve termine rispetto ai benefici a lungo termine derivanti dal ritorno delle persone a una vita sicura", ha detto lo scorso fine settimana un funzionario israeliano a David Ignatius. Eppure, con così tanta incertezza sul prossimo round di combattimenti e nessun piano preciso su cosa accadrà a Gaza una volta finito il conflitto, potrebbe non essere un calcolo così semplice. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto