Israele-Hamas e i rischi di allargamento del conflitto

(Adnkronos) – Hamas, la sua fine. O il suo futuro. Minacce e ragionamenti in prospettiva fatti mentre nella Striscia di Gaza risulta difficile parlare di "zone sicure". Nell'enclave palestinese, che nel 2007 finì sotto il controllo del gruppo, continuano le operazioni israeliane scattate in risposta al terribile attacco del 7 ottobre in Israele e riprese dopo la fine, venerdì scorso, della pausa nelle ostilità. Dai Paesi arabi arrivano accuse a Israele per i "crimini" a Gaza. Israele insiste giorno dopo giorno nel suo obiettivo di "eliminare" Hamas. Ma, scrive il giornale israeliano Haaretz, nonostante le pressioni israeliane e americane, il leader turco Recep Tayyip Erdogan (oggi a Doha per il summit del Consiglio di Cooperazione del Golfo), l'egiziano Abdel Fattah al-Sisi e altri leader del Medio Oriente "evitano di unirsi alla campagna per rimuovere Hamas" e non escludono che il gruppo possa restare protagonista nella leadership palestinese una volta che il conflitto sarà alle spalle.  "Dopo la guerra ci saranno un nuovo governo israeliano, una nuova leadership palestinese e una nuova Hamas", ha detto nei giorni scorsi a La Repubblica Nasser al-Qudwa, nipote di Yasser Arafat, convinto che possa esserci una Hamas "diversa" e che "l'unica soluzione politica ragionevole" sia quella dei due Stati. Storicamente la questione palestinese è considerata una questione arabo-islamica. E se Israele insiste sui suoi obiettivi, altre voci chiedono la liberazione degli ostaggi trattenuti a Gaza dal 7 ottobre e un cessate il fuoco "umanitario", aiuti alla popolazione civile della Striscia e una soluzione "duratura" per la questione israelo-palestinese e per la pace nella regione. 
Israele insiste per l'"eliminazione" di Hamas, la "sconfitta" del gruppo, evidenzia Haaretz, non può limitarsi a schiacciarne le capacità militari a Gaza, bensì serve una "campagna globale per prosciugare le sue fonti" di finanziamento. La Francia, ad esempio, ha annunciato in queste ore il congelamento per sei mesi dei beni del capo del movimento Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, considerato l'architetto dell'attacco del 7 ottobre. Se si punta alla "eliminazione" di Hamas va considerato che parte della leadership del gruppo è in Qatar e Libano. Ci sono, sottolinea ancora Haaretz, attivisti di Hamas con cittadinanza turca e il gruppo riceve sostegno da vari fronti, da Paesi africani e in America Latina, ma anche dalla Malaysia. Nei giorni scorsi il Wall Street Journal – ricordando la "lunga storia di omicidi mirati israeliani – scriveva che su ordine del premier israeliano Benjamin Netanyahu i servizi d'intelligence di Israele lavorerebbero a piani per dare la caccia ai leader di Hamas che vivono in Libano, Turchia e Qatar, si preparerebbero a "uccidere" esponenti nel gruppo "nel mondo" quando si "calmerà" il conflitto nella Striscia, creando le condizioni per una lunga campagna per dare la caccia ai responsabili del 7/10, l'11 settembre degli israeliani. Proprio il Qatar, protagonista della mediazione tra Israele e Hamas, forte dei suoi rapporti con gli alleati occidentali di Israele e con esponenti del gruppo, ospita il summit del Golfo, "mentre a Gaza è sempre più tragedia", come titola il quotidiano panarabo Asharq Al-Awsat. Sul tavolo del summit ci sono questioni di cooperazione – dall'economia alla sicurezza – ma a dominare i lavori sono gli sviluppi nella Striscia. "I Paesi del Golfo, che condannano la guerra israeliana contro i civili di Gaza, sono impegnati attivamente per fermare il conflitto e avviare un processo politico che porti alla fine dell'occupazione, che consenta ai palestinesi di stabilire un proprio stato indipendente", scrive il giornale. L'emiro del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani, non ha risparmiato accuse a Israele e alla comunità internazionale nel suo intervento. "E' vergognoso per la comunità internazionale consentire il proseguimento da quasi due mesi di questo crimine atroce", ha detto, denunciando "l'uccisione sistematica e deliberata di civili innocenti, donne e bambini compresi", quello che considera un "genocidio". Ai lavori partecipano il principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, delegazioni di Bahrein, Kuwait, Oman ed Emirati Arabi Uniti. E da Doha Erdogan, che considera il premier israeliano Benjamin Netanyahu un "criminale di guerra", ha già ripetuto che "i crimini di guerra e contro l'umanità commessi da Israele a Gaza non dovrebbero rimanere senza risposta"'.  Non una parola sul futuro di Hamas, che invece riempie le dichiarazioni della leadership politica e militare di Israele con l'obiettivo dichiarato dell'"eliminazione". La Turchia di Erdogan, che è un Paese Nato, non considera il gruppo come un'organizzazione terroristica. E qui, sottolinea ancora Haaretz, gli Emirati investono miliardi di dollari, così come in Egitto, che ha fatto marcia indietro e tolto il gruppo dalla sua 'blacklist' e che è un altro protagonista di primo piano di queste settimane, come intermediario tra Israele e Hamas. "Interessi contrastanti" – scrive il giornale israeliano – che danno a leader come Erdogan, al-Thani, al-Sisi e altri "libertà d'azione" per evitare di unirsi alla campagna per "l'eiliminazione" di Hamas e continuare a non escludere, anzi a insistere, su un suo ruolo nella futura leadership politica.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

LA MACCHINA CHE FUNZIONA DA SÉ (IVAN ILLICH E IL VASO DI PANDORA)

di Francesco Monico “La nostra società assomiglia a quella macchina insuperabile che ho visto una volta a New York in un negozio di giocattoli. Era uno scrigno metallico, che, premendo un pulsante, si apriva per mostrare una mano meccanica le cui dita cromate si...

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

Agevolazioni fiscali per chi rientra dall’estero

Il requisito della residenza fiscale Il TUIR, “Testo unico delle imposte sui redditi”, all’articolo 2, comma 2, considera residenti in Italia le persone fisiche che per la maggior parte del periodo d’imposta, (183 giorni o 184 giorni se l'anno è...

FRITTATA DI MACCHERONI

La cucina Napoletana a cura di Fabrizia Cusani INGREDIENTI 400 g di spaghetti di grano duro 500-600 g di pomodori da sugo 4 uova2 spicchi di aglio2 cucchiai di parmigiano olio extravergine di oliva sale PREPARAZIONE In una padella fate rosolare 2 spicchi di aglio...

SPEZZATINO DI CONIGLIO CON LE CASTAGNE

LA CUCINA TRADIZIONALE DELLA TUSCIA 1,5 kg di coniglio spellato500 g di castagne1 cipolla1 carota1 costa di sedano2 foglie di salvia1 rametto di rosmarinofiori di finocchio selvaticobrodo di carnevinoolio extravergine di olivasale e pepe INGREDIENTI (PER 6 PERSONE)...

TRIPPA ALLA PAPALINA

Di Mario Pacelli INGREDIENTI (PER 4-6 PERSONE) 1 kg di trippa già cotta400 g di pomodori pelati1 spicchio di aglio1 cipolla1 costa di sedano1 carotamenta romanapeperoncinoolio extravergine di oliva sale PREPARAZIONE Acquistate la trippa già cotta e pulita,...

PASTA E CECI

Di FABRIZIA CUSANI INGREDIENTI 200 g di tagliatelle all’uovo spezzettate 400 g di ceci secchi di Onano5 spicchi di aglio2 rametti di rosmarino parmigiano grattugiato2 peperoncini bicarbonatoolio extravergine di oliva Olio Felicesale PREPARAZIONE Mettete a bagno i ceci...

Corsi Universitari Online

E’ in corso di perfezionamento un accordo tra LA DUMAX SA, per conto delle nostre sedi di PATRONATO SUDAMERICA e la IUL, Università Telematica degli Studi. L’Università Telematica degli Studi IUL è un ateneo online che rilascia titoli riconosciuti dal MUR (Ministero...

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

Agevolazioni fiscali per chi rientra dall’estero

Il requisito della residenza fiscale Il TUIR, “Testo unico delle imposte sui redditi”, all’articolo 2, comma 2, considera residenti in Italia le persone fisiche che per la maggior parte del periodo d’imposta, (183 giorni o 184 giorni se l'anno è...

leggi tutto

FRITTATA DI MACCHERONI

La cucina Napoletana a cura di Fabrizia Cusani INGREDIENTI 400 g di spaghetti di grano duro 500-600 g di pomodori da sugo 4 uova2 spicchi di aglio2 cucchiai di parmigiano olio extravergine di oliva sale PREPARAZIONE In una padella fate rosolare 2 spicchi di aglio...

leggi tutto

SPEZZATINO DI CONIGLIO CON LE CASTAGNE

LA CUCINA TRADIZIONALE DELLA TUSCIA 1,5 kg di coniglio spellato500 g di castagne1 cipolla1 carota1 costa di sedano2 foglie di salvia1 rametto di rosmarinofiori di finocchio selvaticobrodo di carnevinoolio extravergine di olivasale e pepe INGREDIENTI (PER 6 PERSONE)...

leggi tutto

TRIPPA ALLA PAPALINA

Di Mario Pacelli INGREDIENTI (PER 4-6 PERSONE) 1 kg di trippa già cotta400 g di pomodori pelati1 spicchio di aglio1 cipolla1 costa di sedano1 carotamenta romanapeperoncinoolio extravergine di oliva sale PREPARAZIONE Acquistate la trippa già cotta e pulita,...

leggi tutto

PASTA E CECI

Di FABRIZIA CUSANI INGREDIENTI 200 g di tagliatelle all’uovo spezzettate 400 g di ceci secchi di Onano5 spicchi di aglio2 rametti di rosmarino parmigiano grattugiato2 peperoncini bicarbonatoolio extravergine di oliva Olio Felicesale PREPARAZIONE Mettete a bagno i ceci...

leggi tutto

Corsi Universitari Online

E’ in corso di perfezionamento un accordo tra LA DUMAX SA, per conto delle nostre sedi di PATRONATO SUDAMERICA e la IUL, Università Telematica degli Studi. L’Università Telematica degli Studi IUL è un ateneo online che rilascia titoli riconosciuti dal MUR (Ministero...

leggi tutto

Italiani in Sud America. 

Francesca de Natale: “per i diritti dei Residenti Italiani”  In America del Sud si portano avanti i progetti annunciati in campagna elettorale.              Dando seguito a quanto auspicato in campagna...

leggi tutto

Corsa all’oro e blue jeans: 170 anni di dollari

di Marco Nese Negli Stati Uniti ci sono strade leggendarie. La Route 49 è una di queste. Serpeggia tortuosa lungo la base della Sierra Nevada, in mezzo a boschi e laghetti (in America le strade con numeri dispari corrono sulla direttrice nord-sud, mentre quelle...

leggi tutto

Per un Manifesto Culturale della Space Economy

DI MARCO PANELLA Immaginate lo stupore.Siamo nel 1958, l’Italia del boom economico è in movimento, sono passati solo pochi mesi da quando i russi hanno mandato in orbita lo Sputnik I e, subito a seguire, lo Sputnik II con a bordo Laika, la cagnetta...

leggi tutto

La cucina ai tempi di Dante

Di LORENA FIORINI Il rapporto di Dante con il cibo L’Alighieri non aveva un buon rapporto con il cibo, in genere lo impiegava nelle metafore, quando si esprimeva in argomenti nobili. Le opinioni di Dante in relazione alla fame e al cibo non erano coinvolte nel mondo...

leggi tutto

Giubileo 2025: il Logo

Il Logo rappresenta quattro figure stilizzate per indicare l’umanità proveniente dai quattro angoli della terra. Sono una abbracciata all’altra, per indicare la solidarietà e fratellanza che deve accomunare i popoli. Si noterà che l’apri-fila è aggrappato alla croce....

leggi tutto

Napoli e Argentina un amore lungo 40 anni

La storia tra Italia ed Argentina è da sempre ricca di contenuti e valori. Sono due popoli accomunati dall’amore verso la propria terra ed attraversate da una serie di ingiustizie che hanno forgiato il carattere e le manifestazioni degli uomini e donne che abitano...

leggi tutto

Ponte sullo stretto : la legge è operativa

Il governo Meloni, coerentemente con il suo programma elettorale e grazie alla determinazione del Ministro Salvini, ha approvato in Consiglio dei Ministri il testo del Decreto Ponte per l’attraversamento stabile dello Stretto di Messina. Il Presidente Mattarella ha...

leggi tutto