Influenza bimbi, ecco cosa fargli mangiare: i consigli del pediatra

(Adnkronos) – L'influenza corre nelle scuole e negli asili. Mani, nasi, bocche sono gli hub attraverso i quali si sposta e si diffonde fra bambini e ragazzi che risultano essere già adesso, e per la maggior parte della stagione invernale, le fasce d'età più colpite.  "Ai giovani e soprattutto ai piccolissimi che si scambiano ciucci, giochi e oggetti, è difficile chiedere il rispetto delle misure igieniche. Non sono capaci gli adulti di rispettare il distanziamento e regole come il frequente lavaggio delle mani, figuriamoci loro". E' per questo che sono gli 'alleati' ideali del contagio influenzale, "che avviene attraverso le goccioline di saliva, quindi contatti stretti". E gli ambienti comunitari sono il regno di questi virus, evidenzia all'Adnkronos Salute Gian Vincenzo Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina dell'università Statale di Milano e direttore Pediatria e Pronto soccorso pediatrico dell'Asst Fatebenefratelli Sacco, ospedale dei bimbi Vittore Buzzi. L'esperto chiarisce un primo punto: "L'unica possibile forma di prevenzione a questa età può essere la vaccinazione, ricordando che l'efficacia non è al 100% e che il primo target sono i bambini fragili e con patologie croniche, mentre l'estensione ai sani è una scelta dei genitori". Ma una volta caduti nella rete dei virus stagionali, che fare per i piccoli pazienti? Il pediatra Italo Farnetani offre un vademecum, che passa anche dalla tavola. Primo punto: lasciare da parte "paure, falsi miti e consigli sbagliati delle nonne". Menu del baby-malato? A sorpresa il brodino non viene ritenuto per forza un 'must' dall'esperto: "Sul fronte dei cibi, come per i liquidi, si deve evitare il digiuno prolungato, perché la febbre accelera il metabolismo e di conseguenza c'è bisogno di introdurre più alimenti. Ecco perché il suggerimento è far loro mangiare i cibi che piacciono maggiormente. Un'idea sono le patate fritte nell'olio di oliva, perché piacciono e vengono assunte con facilità e sono anche digeribili. Un altro prodotto che piace molto è la crostata, ma è importante lasciare i bambini liberi di scegliere". "Va tenuto presente – aggiunge Farnetani, che è professore ordinario di pediatria dell'Università Ludes-United Campus of Malta – che con il malessere, e in genere anche per via del mal di gola, il bambino può avere una diminuzione dell'appetito. Però non ci sono cibi controindicati in caso di influenza o di febbre. Anche la cioccolata va bene, perché piace, dà energia, determina il buon umore ed evita la comparsa dell'acetone che si può riconoscere perché dà all'alito quell'odore tipico di frutta fradicia". Capitolo liquidi. La premessa è una e sola, ricorda Farnetani: "Il bambino deve bere il più possibile, e liberamente, se la febbre supera 38 gradi. E purché introduca liquidi, vanno bene anche bibite zuccherate, perché è essenziale che si idrati per evitare un danno ai reni e ad altri apparati", suggerisce proseguendo il vademecum del piccolo ammalato. Altro punto cruciale l'abbigliamento: "A differenza del passato, oggi si è capito che non è necessario tenere i bambini a letto. Il bambino deve stare in casa, ma si può alzare e va coperto di meno, non di più. Quando ha la febbre, va tenuto con abiti leggeri e anche il letto deve essere alleggerito perché deve poter sudare liberamente per disperdere il calore. E proprio perché suda molto deve bere". I farmaci da usare con l'influenza? "Paracetamolo, anche per i dolori articolari o il mal di testa", indica Farnetani, ribadendo anche un monito: "Non vanno dati gli antibiotici", trattandosi di forme virali, avverte. "Sfatiamo inoltre un'altra falsa credenza del passato: non è vero che gli antibiotici abbassano la febbre. Di questi farmaci ne vengono assunti troppi in Italia, come nel resto del mondo occidentale e l'uso improprio sta determinando resistenze batteriche anche gravi". Passando all'ambiente domestico a misura di malato, Farnetani consiglia una "temperatura non superiore ai 19 gradi, oltre i 20 diventa problematica soprattutto per il bambino piccolo". Infine, le distrazioni: "Per evitare che la prolungata permanenza in casa porti il bambino a stare troppo davanti a Tv, smartphone e tablet, è importante che l'uso di questi device non superi mai le 2 ore al giorno. Privilegiamo i giochi da tavola e facciamoli giocare anche insieme a un adulto, genitori in primis". —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto