Hamas accusa Israele: “Blocca accordo per liberare ostaggi”

(Adnkronos) –

Il braccio armato di Hamas, le Brigate Ezzeldín al Qassam, torna ad accusare Israele di bloccare un accordo per lo scambio di prigionieri che include il rilascio di 50-70 donne e bambini rapiti dal gruppo islamista durante gli attacchi del 7 ottobre. Secondo il portavoce Abú Obeida il Qatar starebbe mediando per raggiungere un'intesa che consenta il rilascio di "200 bambini e 75 donne palestinesi" incarcerati, ma da parte delle autorità israeliane c'è stato un rinvio.  "Il nemico ha chiesto la liberazione di cento donne e bambini detenuti a Gaza", ha affermato, per poi precisare che – nel caso si concordi una tregua di cinque giorni – si potrebbero liberare 50 tra donne e bambini. "Il numero potrebbe arrivare a 70, considerata la presenza di detenuti di vari paesi, sempre che la tregua assicuri l'ingresso di aiuti umanitari per il nostro popolo in tutta la Striscia di Gaza".  Tuttavia, "l'occupante continua a rimandare ed evita di fare la sua parte e ignora non solo la vita dei civili palestinesi, ma neanche gli importa di uccidere i propri ostaggi", ha aggiunto, annunciando che una militare identificata come Noa Marciano, sequestrata il 7 ottobre, sarebbe morta in uno dei bombardamenti israeliani sulla Striscia.  Secondo Obeida, Marciano era "in vita" quando è stata rapita, ed "è morta in un bombardamento nemico pochi giorni fa". Il gruppo ha anche divulgato un video in cui si vede la militare 19enne, quindi ciò che si suppone essere il suo corpo senza vita. Immediata l'accusa di "terrorismo psicologico" lanciata dall'esercito israeliano.  "I nostri pensieri vanno alla famiglia Marciano, la cui figlia Noa è stata brutalmente rapita dall'organizzazione terroristica Hamas", ha affermato l'esercito in un comunicato pubblicato sul suo sito web. "Stiamo lavorando con tutti i mezzi, operativi e di intelligence, per garantire il ritorno a casa delle persone sequestrate". "Un rappresentante dell'esercito si è recato a casa della famiglia e li ha informati della pubblicazione del video", ha aggiunto, prima di denunciare il fatto che "Hamas continua ad usare il terrorismo psicologico e si comporta in modo disumano, usando video e fotografie rubate", come ha già fatto in passato.  Abu Obaida ha invece lanciato un avvertimento affermando che "le forze di occupazione continueranno a subire i colpi dei mujahidin ad ogni passo che faranno". "I leader nemici – ha poi aggiunto – sono malati e fanno sogni irrealizzabili di eliminare la resistenza, come i leader fallimentari che erano al potere prima di loro", secondo il quotidiano legato ad Hamas "Filastin". "La nostra resistenza persisterà e loro otterranno solo delusione e fallimento", ha proseguito. "Il terribile incubo che il nemico teme è l'espansione della guerra con la resistenza nella regione. Tutti nella regione analizzano le vostre azioni", ha ancora avvertito, alludendo ai "combattenti della resistenza".   
Durissimo atto d'accusa del presidente brasiliano Lula a Israele: l'uccisione di "civili innocenti senza alcun criterio" nella Striscia di Gaza è "grave" tanto quanto l'attacco di Hamas del 7 ottobre scorso, ha denunciato Luis Inacio Lula da Silva. "Dopo l'atto di terrorismo di Hamas, le conseguenze, le soluzioni dello Stato di Israele sono gravi tanto quanto quello di Hamas. Stanno uccidendo civili innocenti senza alcun criterio", ha affermato. Secondo le accuse di Lula, Israele "sta sganciando bombe dove ci sono bambini, ospedali, con il pretesto che là ci siano dei terroristi: questi è ingiustificabile, prima bisogna mettere in salvo donne e bambini, poi combatti chi vuoi".  Le forze armate israeliane (Idf) hanno fatto irruzione nell'ospedale pediatrico Rantisi a Gaza e, come documentato dai video diffusi dal portavoce Daniel Hagari, nei sotterranei della struttura hanno individuato una base di Hamas: sono state recuperate armi di diverso tipo e sono stati scoperti locali in cui, con ogni probabilità, sono stati trattenuti ostaggi rapiti nell'attacco del 7 ottobre.  Dal proprio profilo Twitter, le Idf hanno annunciato che sono pronte al trasferimento di incubatrici all'ospedale al-Shifa, dove sono ricoverati in condizioni drammatiche neonati prematuri. Dalla struttura, nelle ultime ore, sono arrivati aggiornamenti che hanno documentate le condizioni disastrose in cui operano medici e infermieri. "Il reparto di pediatria all'ospedale al-Shifa ha bisogno di assistenza. Israele è pronto a fornirla. Abbiamo proposto formalmente alle autorità sanitarie di Gaza di trasferire incubatrici nella Striscia. Sono in corso sforzi per consentire che le incubatrici arrivino a Gaza per i bambini senza ritardi. Siamo in guerra contro Hamas, non contro la popolazione di Gaza", dice Shani Sasson, portavoce del Cogat, l'organismo che coordina le attività – anche quelle umanitarie – nei territori di Gaza e Cisgiordania.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto