Eva Cela: “Nella ‘Palazzina F’ di Riondino ho messo il cuore”

(Adnkronos) – "Ci sono dei personaggi che alla prima lettura del copione senti di avere già addosso. Anna è uno dei questi e ci ho messo il cuore". Eva Cela ammette di aver subito amato il suo ruolo in 'Palazzina F', il film che arriva nelle sale il 30 novembre, dopo la presentazione alla Festa di Roma e alcune anteprime pugliesi, e che segna l'esordio alla regia del tarantino Michele Riondino per raccontare lo scandalo che coinvolse proprietari e dirigenti dell’ex Ilva di Taranto, quando decisero tra il 1997 e il 1998 di confinare dentro la palazzina adiacente la fabbrica gli impiegati che si erano opposti al declassamento degli operai. Ancor prima dei processi sul disastro ambientale causato dall’impianto siderurgico di Taranto, alcuni vertici dell’azienda (compreso il presidente Emilio Riva) vennero condannati in primo grado nel dicembre del 2001 per “tentativo di violenza privata”. Un processo diventato uno dei casi più celebri e citati relativamente al mobbing. Eva nel film è la compagna del protagonista Caterino Lamanna (interpretato dallo stesso Riondino), operai dell'Ilva semplice e rude, che un dirigente senza scrupoli, Giancarlo Basile (interpretato da Elio Germano), decide di utilizzare come spia prima in fabbrica e poi nella Palazzina F. "Anna è la sua compagna – spiega Eva in un'intervista all'Adnkronos – una ragazza di origini albanesi (come l'attrice, arrivata in Italia quando aveva due anni, ndr.) che cerca l'emancipazione da una famiglia rigida. Una ragazza che lo ama veramente e spera davvero di creare un futuro con lui. All'interno del film è la nota stonata, che fa da contraltare agli aspetti più drammatici del film e attraverso le sue domande apparentemente ingenue fa sviscerare al protagonista i lati più grotteschi della vicenda ma permette anche l'immedesimazione a chi quella vicenda non la conosce".  
Eva, 28 anni, una laurea al Centro Sperimentale di Cinematografia e attualmente impegnata nel conseguimento della laurea magistrale all'Accademia nazionale d'arte drammatica Silvio d'Amico, arriva al film di Riondino attraverso "un selftape, un provino che ho registrato a casa e che è piaciuto molto: poi mi hanno convocato e rivisto da vivo, ho parlato anche con Michele (Riondino, ndr.) e alla fine mi hanno presa".  
Lavorare con Riondino al suo esordio alla regia, per Eva è stato "esaltante: credo che lui sia davvero portato e spero che torni dietro la macchina da presa presto. Il modo in cui ha gestito il doppio ruolo di protagonista e regista è stata una grande lezione sia umana che professionale. Nonostante i mille impegni, ha trovato il tempo e il modo di confrontarsi con me sulle caratteristiche, il background e le intenzioni del mio personaggio. Michele è riuscito a creare un gruppo che si sente ancora, finito il film. Abbiamo una chat, che si chiama Famiglia Laf, creata da Michele dove ci scambiamo informazioni, letture, articoli sul film. Una cosa rara", racconta l'attrice. Che sul neoregista aggiunge: "Michele è portatore sano di concretezza, serenità e consapevolezza che tradotto significa: lavorare e far lavorare bene". Sull'Ilva di Taranto, prima del film, Eva conosceva le informazioni principali ma non la storia della Palazzina F: "E come me credo molte persone in Italia non la conoscano. E non sappiano che è il primo processo italiano sul mobbing. Sono fiduciosa che verrà visto sia da giovani che adulti, anche perché, nonostante il tema, non è affatto un film pesante", aggiunge. "Spero che questo buon momento del cinema italiano, trainato dal fenomeno Cortellesi, porti gli italiani a tornare a frequentare più spesso le sale dove si proiettano film italiani ben fatti", sottolinea.  
Eva Cela è stata campionessa di ginnastica aerobica nella sua prima adolescenza e spiega come quella esperienza l'abbia aiutata "nella disciplina, nella focalizzazione degli obbiettivi, nella gestione del tempo": "Ho vissuto tutta la mia infanzia e adolescenza in un paesino dell'Abruzzo, San Vito Chietino, piccolissimo, 5000 abitanti. Ma mi allenavo nella Marche, ogni giorno uscivo di casa alle 6 e rientravo alle 11 di sera. I sacrifici fatti in quel periodo mi hanno permesso di non perdermi anche quando poi mi sono trasferita in una grande città come Roma", ammette.  A 28 anni, Eva ha già lavorato con grandi registi come Marco Bellocchio (che l'ha voluta nel ruolo di Agnese Moro, la figlia dello statista, nella serie 'Esterno Notte') e Matteo Rovere (che l'ha chiamata nella serie Netflix 'Supersex' incentrata sulla vita di Rocco Siffredi) e confessa che il suo sogno nel cassetto è recitare con altri quattro registi italiani: "Mi piacerebbe poter lavorare con Paolo Sorrentino, con Nanni Moretti, con Matteo Garrone e con Gabriele Muccino. Li ammiro per motivi diversi tutti e quattro. Mi piace il loro cinema", dice.  Dopo un film sui drammi sociali e ambientali dell’Ilva di Taranto, Eva sogna anche un ruolo in una commedia brillante: "Ho scoperto in accademia anche un mio lato comico e tragicomico, che in parte viene fuori anche in 'Palazzina F'. E mi piace metterlo al servizio di una bella sceneggiatura", afferma l'attrice, che dopo 'Supersex' ha girato la commedia romantica 'L'amor fuggente' di Davide Lomma ed ha preso parte anche alla serie 'Briganti' di Netflix.  di Antonella Nesi —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto