Ciriani, forum all’Adnkronos: “Sciopero generale è politico”

(Adnkronos) – "E' uno sciopero politico". E' il ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani a definire così lo sciopero generale proclamato da Cgil e Uil per il 17 novembre intervenendo al Forum dell'Adnkronos. Sull'operato del vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Ciriani dice che "il ministro Salvini, confortato dal parere del Garante, ha chiesto semplicemente di rimodulare lo sciopero in modo tale di non danneggiare la vita e l'attività di milioni di persone che si devono spostare".  "Io francamente non trovo un solo motivo per questo sciopero generale: la mia sensazione, che è quasi una certezza, è che la Cgil stia cercando un pretesto per scioperare ormai da mesi. Aveva annunciato lo sciopero prima della manovra finanziaria e l'avrebbe fatto anche se noi nella manovra avessimo scritto il contrario di quanto scritto adesso" sottolinea il ministro per il quale "che sia una sciopero politico preventivo è del tutto evidente". "E' evidente che la Cgil stia cercando di riempire uno spazio politico – afferma ancora Ciriani – e che Landini stia cercando di diventare il capo dell'opposizione, che la Cgil vuole dettare la linea politico-sindacale ed economica alle opposizioni: il problema è che ci sta anche riuscendo. E' questo il fatto grave: lo sciopero viene usato per affermare una leadership politico-sindacale di Landini sul resto delle opposizioni. Ma scioperare per cosa? Un governo che nella scorsa finanziaria ha messo 30 miliardi di euro sulle bollette per tutelare le famiglie povere e le fasce medio-basse e che ha usato tutto lo scostamento di bilancio ancora per le fasce medio-basse per il taglio del cuneo fiscale per la riduzione delle aliquote, per le mamme con tre figli. Davvero non si capisce la motivazione, tanto è vero che la Cisl non lo fa" afferma. Nessun pericolo che asset strategici del Paese possano cadere in mani straniere, ha poi assicurato Ciriani sottolineando che "noi siamo al governo anche per garantire la sovranità italiana in ogni settore, la sovranità tecnologica, energetica, alimentare. Le privatizzazioni, se servono, si faranno. Però, che il governo abbia a cuore gli asset strategici del Paese mi pare evidente. Anzi, è un punto qualificante del nostro programma di governo". "Non siamo qui per svendere pezzi dell'Italia a interessi stranieri, siamo qui per fare l'opposto, per far sì che i settori strategici del Paese siano garantiti. Peraltro, c'è la legge sul Made in Italy che adesso è alla Camera che prevede un fondo strutturale per favorire gli investimenti stranieri e garantire la continuità della proprietà italiana di alcuni comparti fondamentali per la sovranità del Paese. C'è pure il Golden power su questo…". "Non siamo qui per svendere pezzi dell'Italia a interessi stranieri, siamo qui per fare l'opposto, per far sì che i settori strategici del Paese siano garantiti. Peraltro, c'è la legge sul Made in Italy che adesso è alla Camera che prevede un fondo strutturale per favorire gli investimenti stranieri e garantire la continuità della proprietà italiana di alcuni comparti fondamentali per la sovranità del Paese. C'è pure il Golden power su questo…", ha aggiunto. Quanto all'operazione Tim-Kkr, il ministro Ciriani ha sottolineato che "tutto è stato fatto per garantire che in un settore così importante gli interessi del Paese siano in primo piano. Questo settore, come altri, tecnologici, dell'informazione, sono asset importanti del Paese". Il ricorso eccessivo alla decretazione d'urgenza "è un problema con cui il Parlamento si confronta da almeno vent'anni" e risiede nel fatto "che il governo è l'interprete principale dell'attività legislativa. In questo noi non siamo diversi e neanche migliori" rispetto ai governi precedenti, ha detto ancora il ministro per i Rapporti con il Parlamento. L'esponente di Fratelli d'Italia ha ribadito l'impegno del governo per limitare l'uso dei dl: "Stiamo cercando di ridurre il numero dei decreti e di migliorarne la qualità, rendendoli un po' più uniformi rispetto al passato". E alle opposizioni (che lo avevano criticato per aver parlato di "bizantinismi" a proposito dei regolamenti parlamentari) ha risposto: "La fiducia la poniamo molto più spesso alla Camera che al Senato" perché a Palazzo Madama "i regolamenti consentono al sistema istituzionale di funzionare in maniera un po' più ordinata, garantendo i diritti dell'opposizione e di chi governa. Lo dico da parlamentare, ci sono alcune cose che più che bizantinismi sono incomprensibili, per esempio: quando si pone la fiducia in Senato poi si vota, mentre alla Camera per 24 ore l'attività è ferma. Una cosa che non ha nessun senso". "Il mio", ha precisato Ciriani, "non è un attacco alla Camera o al funzionamento del Parlamento. Non è che il Parlamento deve decidere con un tweet, ma c'è il problema di renderlo un pochino più veloce. Il Senato funziona molto meglio perché si è autoregolamentato, la Camera doveva fare altrettanto. Tra le riforme che dobbiamo fare secondo me c'è anche la riforma dei regolamenti parlamentari, in particolare quello della Camera", ha osservato il ministro di Fdi. 
Il ministro Luca Ciriani all'Adnkronos – Foto
 —economiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto