Chi è Irene Cecchini, la ragazza italiana che ha stregato Putin

(Adnkronos) – Si chiama Irene Cecchini, si è trasferita a Mosca per studiare all'Istituto statale per le relazioni internazionali (MGIMO). Oggi, in un Forum, ha posto una domanda a Vladimir Putin sulle politiche industirali e l'immigrazione spingendo il presidente russo a esprimersi sull'Italia con toni nostalgici: "L'Italia ci è sempre stata vicina, ricordo come mi accoglievano, lì mi sentivo a casa". Irene Cecchini è una studentessa che dopo il liceo a Piacenza si è trasferita nella capitale russa. A giugno 2023, durante il terzo anno accademico, si è presentata con un'intervista al sito dell'Istituto che frequenta a Mosca.  MGIMO è una delle università leader in Russia nelle relazioni internazionali e ha una lunga storia di prestigiosi ex studenti. I suoi docenti sono esperti rinomati nei rispettivi campi. E ho potuto constatarlo personalmente e confermarlo riguardo a questa Università per diversi motivi. "Prima di tutto, il MGIMO da molta importanza all'esperienza pratica e offre una vasta gamma di stage, scambi e programmi di studio all'estero. Inoltre, il suo impegno per l'eccellenza accademica e la ricerca ha prodotto numerose pubblicazioni di articoli accademici, documenti di ricerca e libri. Poi, il MGIMO offre ampie attività extracurriculari, come conferenze con professionisti di alto livello in diversi settori, con ministeri e organizzazioni internazionali. Tutte queste possibilità aiutano gli studenti ad approfondire il proprio interesse e la propria passione in diversi campi", diceva la ragazza, impegnata nello studio del russo che, a giudicare alla conversazione sostenuta con Putin, ha dato ottimi risultati. "L'esperienza di imparare il russo può essere davvero stimolante poiché apre le porte alla comprensione di una cultura ricca e diversificata, diversa dalla tua", raccontava. "Inizialmente il russo può sembrare impegnativo, soprattutto a causa del suo alfabeto, del suo sistema di maiuscole e minuscole e delle regole di pronuncia differenti. Tuttavia, il livello di istruzione linguistica presso il MGIMO mi ha messo a disposizioni condizioni eccellenti per per imparare il russo. Nello specifico, mi ha fornito sia una solida base grammaticale che un'eccellente opportunità pratica attraverso discussioni in classe. Partendo da zero, ora sono in grado di parlare fluentemente questa lingua e persino di cogliere ogni sfumatura di significato in ogni parola, poiché il russo è una lingua molto variegata", aggiungeva. "Dato che sono una studentessa italiana con un diploma in latino e greco antico, imparare il russo può davvero essere un'esperienza unica e affascinante. Nonostante le strutture linguistiche e la grammatica del russo siano notevolmente diverse, possono comunque esserci alcuni elementi in comune", diceva ancora. La scelta del MGIMO a Mosca è legata alla "passione sempre avuta per relazioni internazionali e diplomazia fin dai tempi del liceo. Mentre cercavo diverse università in tutto il mondo che offrono programmi incentrati su questi settori, ho scoperto il MGIMO e sono rimasta immediatamente colpito dalla sua prestigiosa reputazione", spiegava ancora "All'inizio le mie aspettative sulla Russia si basavano principalmente sulle informazioni che ricevevo attraverso i media e sulle opinioni delle persone del mio paese. Tuttavia, è stata proprio questa visione unilaterale della Russia che mi ha spinto a esplorare e comprendere meglio questo paese. Ora, con l'esperienza personale vivendo in Russia, la mia prospettiva è cambiata. Ho scoperto che i russi sono cordiali, accoglienti e desiderosi di condividere la loro cultura e le loro tradizioni con gli stranieri. Inoltre, ho sperimentato personalmente molti aspetti positivi della cultura russa, come il forte senso di comunità e l'importanza di aiutarsi e sostenersi a vicenda". Inoltre, "ho scoperto l'incredibile patrimonio artistico che questo paese ha da offrire: vengo dall'Italia e ho potuto confrontare l'arte classica con quella russa, trovando molte somiglianze e differenze. Ora posso vedere quanto sia forte e ricco il patrimonio storico e artistico russo".   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Argentina: un nuovo capitolo di storia

Di Bobo Craxi Come annunciato  Xavier Milei eletto con un forte suffragio dai cittadini argentini ha avviato il suo piano di riforme di impronta ultra liberista condito con l’imperativo della “necessità” ed “urgenza” come recita il Decreto che é sottoposto al...

leggi tutto