Aids, in Ue 1 persona su 10 è sieropositiva e non lo sa

(Adnkronos) – Un cittadino europeo su 10 è sieropositivo e non lo sa e questo porta a una continua diffusione dell'Hiv. E' l'allarme lanciato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) commentando i dati del report pubblicato insieme a Oms Europa in vista della Giornata mondiale contro l'Aids del primo dicembre. "Più di una persona su 10 che vive con l'Hiv in Unione europea/Spazio economico europeo non è ancora consapevole del proprio status, cosa che contribuisce alle diagnosi tardive a cui stiamo assistendo, ai risultati peggiori" nella cura "e alla continua diffusione dell'Hiv", sottolinea la direttrice dell'Ecdc Andrea Ammon. L'aumento delle diagnosi di Hiv registrato l'anno scorso, pari a un +4,2% nella regione europea dell'Oms – spiega – "potrebbe sembrare una cosa negativa", ma "è la prova che stiamo andando nella giusta direzione – evidenzia Ammon – con molte persone che vivono con l'Hiv più in grado di accedere ai test, alle cure e ai servizi di supporto. Ma possiamo e dobbiamo fare di più", esorta la numero uno dell'Ecdc. Nel 2022 sono state 110.486 le diagnosi di Hiv registrate nella regione europea dell'Organizzazione mondiale della sanità, di cui 22.995 in Unione europea/Spazio economico europeo, che hanno portato a oltre 2,4 milioni il totale delle persone con positività nota al virus dell'Aids. Il miglioramento dell'accesso ai test ha prodotto un aumento delle diagnosi di Hiv pari al +4,2%, con 37 Paesi su 49 che segnalano cifre in crescita e diverse nazioni che hanno riportato i numeri più alti mai registrati in un solo anno, emerge dal report pubblicato da Oms Europa ed Ecdc. "In tutta Europa – si legge – oltre la metà delle diagnosi di Hiv arrivano troppo tardi, con una conta di linfociti CD4 inferiore a 350 cellule/mm3, indicando la necessità urgente di capire cosa rende le persone non in grado o non disposte ad accedere al test e a cure tempestive". Tra i fattori che hanno contribuito all'incremento delle diagnosi di Hiv nel 2022, Oms Europa ed Ecdc citano "la ripresa delle normali attività di test dopo la pandemia di Covid-19, servizi di test ampliati e mirati, l'implementazione di nuove strategie di test". Tuttavia, "sebbene nella regione europea siano stati compiuti progressi nella lotta all'Hiv", per le autorità sanitarie "permangono sfide significative nell'identificazione e nel trattamento dei casi, nonché innanzitutto nella prevenzione dell'infezione".  Oms ed Ecdc lanciano dunque un "appello urgente all'azione", che sia "un'azione critica" volta a un "ampliamento dell'accesso ai test e alle cure per l'Hiv, insieme al riconoscimento e alla lotta contro lo stigma e la discriminazione persistenti che impediscono alle persone di cercare diagnosi e cure". Tutti "passi fondamentali per fermare l'aumento dell'infezione". Le due agenzie confermano il proprio "impegno a sostenere i Paesi dell'Ue/See e della regione europea Oms nell'accelerare i progressi verso il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile per l'Hiv. In stretta collaborazione con le organizzazioni partner impegnate a ridurre lo stigma, l'attenzione sarà focalizzata su attività di test, trattamento e prevenzione, nonché sul miglioramento della sorveglianza e del monitoraggio attraverso linee guida dedicate, workshop, webinar e supporto tecnico". Il rapporto diffuso in vista del World Aids Day evidenzia nella regione europea dell'Oms disparità regionali, con il 71,6% (79.144) delle nuove diagnosi effettuate nell'area Est, contro il 20,3% nell'Ovest (22.397) e appena l'8,1% nel Centro (8 945). Nella subregione orientale, i test Hiv e l'individuazione dei casi sono migliorati rispetto all'anno precedente – rilevano Organizzazione mondiale della sanità ed Ecdc – raggiungendo con trattamenti e cure un numero maggiore di persone non diagnosticate. I rapporti eterosessuali restano la via di trasmissione più comunemente segnalata nell'area orientale della regione, sebbene il contagio tramite sesso fra uomini sia aumentato in modo significativo negli ultimi 10 anni. Per le autorità sanitarie, queste variazioni regionali rimarcano "la necessità di migliorare i programmi di test e di affrontare le barriere" che ostacolano la diagnosi, incluso lo stigma che "assume forme diverse" e interessa "tutta la società", insinuandosi persino "all'interno dello stesso settore sanitario". Dal report emerge che "anche il movimento di persone che convivono con l'Hiv nei Paesi Ue/See ha contribuito all'aumento delle diagnosi. Un notevole 16,6% delle diagnosi in Ue/See" va ricondotto a "persone arrivate in questi Paesi con una diagnosi esistente. Questi dati indicano la necessità di servizi di prevenzione e test verso i migranti – suggeriscono Oms Europa ed Ecdc – e di un rapido collegamento a servizi di trattamento accessibili per tutte le persone che vivono con l'Hiv nella regione".  "Solide strategie di sorveglianza, monitoraggio e valutazione – ammoniscono gli esperti – svolgono un ruolo cruciale nell'identificazione e nella gestione delle vulnerabilità all'interno delle popolazioni chiave, consentendo alle autorità sanitarie di adattare i propri interventi per colmare le lacune esistenti e di adattare gli interventi ai cambiamenti osservati sul campo, come il notevole aumento della migrazione in tutta la regione europea". —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Nave Vespucci a Buenos Aires

Vedi il video completo sul nostro canale Youtube

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

Colloquio Con Onorevole Andrea Di Giuseppe

Apri e vedi il video completo

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

Catania scuola e cultura: da Micio Tempio al Cardinale Sdummet

A Catania, come abbiamo più volte ricordato, sono nati o hanno vissuto diversi importanti autori della letteratura italiana, ma quelli a cui i catanesi tengono in modo particolare sono Micio Tempio e Vitaliano Brancati.  Il primo, in verità, è più noto per le...

Catania meteorologica: ‘a oria, ‘u vilenu, ‘u straventu… 

Buona domenica a tutti. Catania è una città che passa alla storia non solo per essere patria di illustri musicisti, di importanti letterati, di insigni scienziati, ma anche per aver dato i natali a Filippo Eredia, che è stato un famoso geofisico, un meteorologo e un...

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

Che bella Catania ca’ chiù sta e chiù bella addiventa 

Non c'è alcun dubbio che Catania sia la più importante "città palcoscenico" del mondo, forse per questa ragione trovarne qualcuno libero e a costi accettabili è difficile, quasi impossibile, nonostante ve ne siano parecchi.  Catania è la patria di Verga, per la...

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

Italiani all’estero: semplificare il rientro

di Aldo Aledda L’Italia ha un grave problema, in verità ne ha molti, ma quello dell’invecchiamento della popolazione è tra i più urgenti. Anche perché mette il dito nella piaga dell’esodo della generazione più giovane  all’estero. Così il Paese si svuota delle...

leggi tutto

Un Appello per la Sostenibilità

Intervista con Luca Giovannini In una recente intervista, Luca Giovannini ha sollevato con forza il tema cruciale della sostenibilità, sottolineando l'importanza di adottare pratiche che mantengano l'equilibrio con la natura. Ha criticato l'uso pretenzioso del termine...

leggi tutto

A Catania, alle 21, le polpette sono ancora cavalli 

A Catania, come in molte altre città del Sud, soprattutto d'estate, si ha l'abitudine di cenare molto tardi, quando la temperatura è più mite.  Nel capoluogo etneo, infatti, alle 21, i puppetti su ancora cavaddi, nel senso che a quell'ora la carne equina...

leggi tutto

IL PRESIDENTE MILEI A ROMA

In occasione del suo primo viaggio all’estero, il presidente Milei si è recato prima in Israele, per riaffermare solidarietà e vicinanza dopo l’aggressione e strage di Hamas del 7 ottobre 2023) e successivamente a Roma. L’occasione è stata data dalla Canonizzazione di...

leggi tutto

Le bellezze e le stranezze di Catania

Catania è una città straordinaria, è la patria di Bellini, di Verga, di Martoglio, di Musco e di tanti altri artisti, ma è anche la città dove le buche stradali, che si dividono in epoche geologiche ed archeologiche, vengono mantenute nelle condizioni in cui si...

leggi tutto

Catania la festa di Sant’Agata

Si celebra a Catania la festa di Sant'Agata, la terza al mondo per dimensione e numero di fedeli. Sant'Agata, però, non è solo culto, anche se lo è soprattutto; non è solo fede, anche se i fedeli sono in tutto il mondo; non è solo rito, anche se muove una ferrea...

leggi tutto

POLIS, RIMINI, FASHION INSOSTENIBILE

LA REDAZIONE DI POLIS A RIMINI PER ECOMONDOL’industria del tessile, oggi per come è, non è sostenibile, inquina e consuma troppo, produce scarti che non si riciclano e ha generato una macchina del consumo che aumenta ogni anno di più i beni prodotti e distribuiti. E...

leggi tutto

LA POLITICA DEL CARCIOFO, AL CONTRARIO

di Diego Castagno Torino è di nuovo la capitale dell’auto. Stavolta della rottamazione, del riciclo e del recupero. E Mirafiori è di nuovo il simbolo della nuova industria green e circolare. Comunque la si possa pensare. E anticipa una tendenza che potrebbe essere del...

leggi tutto

COP 28 :    DIREZIONE GIUSTA VELOCITA BASSA

Ad un mese dalla conclusione dei lavori di COP28,  non mi schiero con chi sostiene essere stato un totale fallimento, dalla scelta del posto, dal numero di lobbisti pro fossil iscritti o ai risultati o non risultati ottenuti;  non mi schiero neanche con...

leggi tutto

La speranza è un rischio da correre

La criminale e sanguinaria aggressione ad Israele, preparata da anni, non si concluderà in brevissimo tempo, ma vivere significa non rassegnarsi e trovare soluzioni alle tragedie DI GIUSEPPE SCANNI Non sempre il tempo è un Dio benigno; secondo Shakespeare è un “vorace...

leggi tutto

Da Stresa e da Laveno

verso la cima dei monti Mottarone e Sasso del Ferro Il Mottarone e il monte Sasso del Ferro si guardano dalle due sponde opposte, quella piemontese e quella lombarda del lago Maggiore. Dalle due vette, che sovrastano Stresa e Laveno, si ammira lo stesso paesaggio: la...

leggi tutto